spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Proposte di legge arrow Violenza contro le donne: più vicina la legge
Violenza contro le donne: più vicina la legge PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 14 novembre 2007

ImageROMA – Nell’ambito del convegno “La violenza in ambito familiare. Tessuto sociale e violenza in famiglia: che fare?” la Ministra per le Pari opportunità Barbara Pollastrini ha confermato l’avvenuta approvazione dello stralcio del Disegno di legge 2169 in tema di prevenzione della violenza contro le donne, omofobia, tutela della vittima e certezza della pena, nonché repressione dei delitti contro la persona e nell'ambito della famiglia, per l'orientamento sessuale, l'identità di genere e ogni altra causa di discriminazione, presentato dal governo alla fine del 2006. Ora per la legge si prevedono tempi rapidissimi, non essendo previsto il passaggio in aula, ma l'iter abbreviato con l'approvazione in sede di commissione deliberante."Si tratta di un adeguamento legislativo –afferma Pollastrini - che fa i conti col tema, inevaso, della tutela della vittima".

"Accade spesso che la donna percepisce i rischi che corre -prosegue- ma non va a denunciare perché sa che questo aumenta il rischio per lei e per i figli. La certezza della pena è dunque al centro della nostra legge. Che non bastino attenuanti generiche a far uscire dal carcere. Oggi le molestie ripetute, lo stalking, sono punite con l’ammenda e non si allontana in tempo l’uomo che perseguita”. Pollastrini ha ricordato poi i dati: in Italia, come in Europa, le donne tra 15 e i 60 anni muoiono più per le violenze subite che per incidenti e malattie.

Se il disegno di legge proposto da me e Rosy Bindi fosse già vigente, forse Hina avrebbe avuto qualche possibilità di salvarsi. Perché Hina aveva posto denuncia, ma gli inquirenti non avevano strumenti sufficienti per intervenire”. Tanto per non smentirsi, l’approvazione del DDL in Commissione Giustizia della Camera, ha visto contrari i soliti An e Lega, ed astenuta Forza Italia.

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 14 novembre 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB