spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 27 arrow Diritti Umani: la lunga via della Cina delle Olimpiadi
Diritti Umani: la lunga via della Cina delle Olimpiadi PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
domenica 30 dicembre 2007

ImageAmnesty International Italia aderisce alla campagna mondiale dell’associazione per chiedere alla Cina l’adozione e l’attuazione di riforme significative nel campo dei diritti umani, assicurate dal paese in occasione dell’assegnazione delle Olimpiadi 2008 a Pechino. A pochi mesi dalla data di inizio prevista per le Olimpiadi, e nonostante alcune riforme in tema di pena di morte e di libertà di stampa per i media, l’obiettivo riforme appare ancora lontano dall’essere raggiunto sulle quattro richieste fondamentali. Leggi qui l’appello di Amnesty.

Le quattro richieste: (1) Significativa riduzione dell’applicazione della pena di morte, come primo passo verso la completa abolizione; (2) forme di detenzione in accordo con le norme e gli standard internazionali sui diritti umani e introdurre misure che tutelino il diritto a un processo equo e prevengano la tortura; (3) garantire piena libertà d’azione ai difensori dei diritti umani, ponendo fine a minacce, intimidazioni, arresti e condanne nei loro confronti; (4) porre fine alla censura, soprattutto nei confronti degli utenti di Internet.

Ultimo aggiornamento ( domenica 30 dicembre 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB