spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 0 arrow Democrazia Paritaria : 50 & 50
Democrazia Paritaria : 50 & 50 PDF Stampa E-mail
Scritto da I.Giacobbe   
giovedý 18 gennaio 2007

Per dare un’opportunità di futuro alla democrazia bisogna costruirla in due, paritariamente.
Promuovere la democrazia paritaria è compito della Repubblica e dunque del Parlamento e del Governo; sollecitarne l’attuazione è compito di ognuno di noi. Nel nostro paese i principi di parità e di non discriminazione iscritti nella Costituzione non sono ancora compiutamente attuati. In tutti i luoghi della decisione politica assistiamo ad una insopportabile esclusione delle donne.....

Negli organi di governo, nelle commissioni parlamentari, nei gruppi di lavoro e in ogni altro luogo a livello regionale e locale esse sono presenti in sparute ed ininfluenti minoranze.
In Italia le donne devono ancora conquistare il diritto ad essere presenti paritariamente in ogni delegazione e in ogni gruppo di lavoro nella sfera amministrativa pubblica o nella cooperazione internazionale. In ogni azienda municipalizzata e in ogni consiglio di amministrazione a partecipazione pubblica non c’è una presenza paritaria di uomini e donne. Le donne devono essere presenti paritariamente al Cnel come all’INPS; deve esserci una presenza paritaria negli istituti pubblici che si occupano di pensioni e di sanità, di istruzione e di credito, nel board delle società assicurative e dei fondi pensione, nelle associazioni datoriali e in quelle sindacali.
Molti Paesi in passato hanno vissuto questa esperienza di democrazia incompiuta; molti paesi hanno adottato un sistema transitorio di “quote” per garantire la presenza delle donne nei luoghi della decisione politica, della gestione e dell’amministrazione.
Questo non è ancora avvenuto in Italia, paese di 59 milioni di abitanti, di cui la maggioranza sono donne.  Su questo tema siamo impegnate quotidianamente, in primo luogo per la modifica del sistema elettorale e per l'elezione in egual numero di uomini e donne .
In questo nostro paese dove tutti alzano la voce, la parola delle donne è oggi soffocata.
Vogliamo dare respiro ed evidenza alle iniziative ed alle proposte che intendono modificare questa avvilente situazione e al tempo stesso mettere in luce l’altra realtà: quella della qualità, della competenza, della preparazione e dell’iniziativa di tante donne.
Ultimo aggiornamento ( mercoledý 31 gennaio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB