spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2018 Dicembre 2018 Gennaio 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 49 1 2
Settimana 50 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 51 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 52 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 1 24 25 26 27 28 29 30
Settimana 54 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Altri argomenti arrow Articoli arrow Le Farc vicine al rilascio di alcuni ostaggi
Le Farc vicine al rilascio di alcuni ostaggi PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
giovedì 27 dicembre 2007

ImageBOGOTA' - Saranno presto liberati i tre ostaggi nelle mani dei guerriglieri colombiani (FARC), che ne avevano annunciato il rilascio qualche settimana fa, come "omaggio" al dialogo di mediazione aperto con loro dal presidente venezuelano Hugo Chavez. La conferma all'annuncio arriva dall'ambasciatore venezuelano a Bogota', Pavel Rondon. Da questo rilascio sembra comunque rimanere ancora esclusa, anche se questo primo passo fa ben sperare, l'attivista politica franco-colombiana, ex candidata alle elezioni presidenziali, Ingrid Betancourt, da cinque anni prigioniera.


Per Betancourt -ha riconosciuto Chavez- i tempi saranno più lunghi, anche se “in un secondo momento” sarà possibile liberare un nuovo gruppo di ostaggi, tra i quali “la mia amica Ingrid Betancourt”. Questa liberazione da parte delle Farc, conclude Chavez, “fa sperare che prima o poi saranno rilasciate tutte le persone che si trovano in mano alle Forze armate rivoluzionarie colombiane”.

L'accordo per il rilascio, annunciato nei giorni scorsi dal ministro degli Affari esteri colombiano alla presenza dell'Alto commissariato per la pace Louius Carlos Restrepo, prevede una “missione umanitaria per la liberazione di tre ostaggi nei termini proposti da Chavez in una lettera”. Il Governo di Uribe, "costretto" a far buon viso a cattiva sorte da questi passaggi di diplomazia, ha delegato l'Alto commissario per la pace Restrepo quale “rappresentante” della Colombia in questa operazione alla quale prenderanno parte (come testimoni) anche leader e politici di paesi come Bolivia, Ecuador, Brasile, insieme all'ex presidente argentino Nestor Kirchner e delegati di Francia e Cuba. Una missione interforze che per ragioni costituzionali vedrà i mezzi implicati partecipare con l'emblema della Croce Rossa internazionale.

Ultimo aggiornamento ( sabato 29 dicembre 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB