spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 0 arrow Codice deontologico per i media - Il commento della ministra Pollastrini
Codice deontologico per i media - Il commento della ministra Pollastrini PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
luned́ 29 gennaio 2007
Image
Barbara Pollastrini
A seguito della riflessione avviata dagli stessi operatori dei media sull’atteggiamento tenuto da giornali e tv nel caso di Erba, la Ministra per i Diritti e le Pari Opportunità, Barbara Pollastrini, appoggia l’iniziativa dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) che ''ha avviato un gruppo di lavoro finalizzato ad attivare misure per favorire un corretto utilizzo del linguaggio giornalistico nell'affrontare il tema dell'immigrazione'' .


(ROMA) “Condivido pienamente la proposta di elaborare una sorta di codice deontologico per i media –dice la ministra Pollastrini- che miri ad evitare distorsioni, fraintendimenti e pregiudizi nei confronti della figura dell’immigrato e del rifugiato”.
“Prendendo spunto da studi accurati in materia condotti anche da varie ong – spiega la Ministra - l’Unar ha già avviato un gruppo di lavoro finalizzato ad attivare alcune misure positive volte a favorire un corretto utilizzo del linguaggio giornalistico nell’affrontare il delicato tema dell’immigrazione”.
L’esigenza di ripensare il modo di fare informazione evitando gli stereotipi, emerge anche dall’ascolto delle numerose chiamate di protesta pervenute al numero verde dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (Unar) presso il dipartimento della ministra, che denunciano “false rappresentazioni della figura dell’immigrato da parte della carta stampata o degli altri mezzi di comunicazione”. Atteggiamenti che contribuiscono ad incrementare il clima di ostilità e di diffidenza nei confronti dello straniero –conclude la ministra, “uno dei principali ostacoli alla creazione di una vera società multietnica”.
Ultimo aggiornamento ( luned́ 29 gennaio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB