spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica Italiana arrow Sull'aborto inaccettabile ogni strumentalizzazione
Sull'aborto inaccettabile ogni strumentalizzazione PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 15 gennaio 2008

ImageROMA - «Incommentabile» per la Ministra della salute Turco, la campagna di Giuliano Ferrara sull'aborto. «Sono certa –dice- che non eleverà la soglia critica delle coscienze perché si muove da un approccio puramente astratto, dove è assente la responsabilità femminile». Così la risposta della  ministra -nel corso della trasmissione Viva Voce di Radio24 del 15 gennaio- alle  affermazioni del direttore del Foglio secondo cui, l'interruzione di gravidanza sarebbe “un omicidio perfetto”.


In Italia la diminuzione dei casi di aborto non è in relazione   alla diminuita natalità ma, lo dicono i dati,  si è verificata (-60%) grazie alla legge che lo regolamenta, perché  «è diventato una scelta che la donna tende a non fare». Per Turco dunque la legge 194 non si tocca: «sì al dibattito pubblico ma nessuna modifica alla legge che dal 1982 ad oggi ha permesso il dimezzamento degli aborti». Nella piega presa da questo dibattito, si evidenzia sempre più la piaga dell'uso strumentale di un tema che, seppure proposto come riflessione internazionale, nei fatti intende mettere in discussione le tutele e le leggi acquisite dall'Italia e dalle donne italiane.

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB