spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 35 arrow Aborto, la parola alle donne: basta slogan, lasciateci in pace!
Aborto, la parola alle donne: basta slogan, lasciateci in pace! PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
sabato 15 marzo 2008

ImageROMA - Sono tante le donne che sulla questione dell’aborto hanno voluto scrivere. Tante le voci che hanno sentito  voglia e dovere di partecipare. Quella che proponiamo di seguito è una lettera dalla rubrica di Concita De Gregorio, pubblicata sulla rivista D La Repubblica delle Donne. Un appello asciutto, risoluto, ed al contempo delicato, per invitare chi non conosce il cuore ed il corpo delle donne a lasciarle in pace, libere di decidere, smettendola di scandire slogan senza poter sapere cosa voglia dire essere donna madre figlia amante compagna, tutto insieme.

“Sono una donna di 38 anni con un bambino di 2. Non ho mai abortito […] ma se dovessi scoprire che il figlio che aspetto è malato gravemente o ha una qualche forma di ritardo mentale, lo farei. […] Fare la mamma è la fatica più grande del mondo. Un bambino ti impegna il corpo e il cervello. La mia giornata è: sveglia, vestizione, colazione, auto, nido, auto, lavoro, auto, casa, bagnetto, cena. All’infinito. Ci sono giorni che mi trascino dalla stanchezza ma non finirei mai di saltare e ballare con lui. Altri vorrei di nuovo essere single. Altri giorni invece sono talmente presa da un progetto che vorrei non averlo tra i piedi, per poter restare in ufficio sino a tardi senza sensi di colpa. Ah, ecco i sensi di colpa! Nei confronti di mio figlio, o del lavoro, o del mio compagno. Comunque credo di essere una persona sana e molto felice. E come donna capace di intendere e di volere, sottoscrivo qui un appello: lasciatesi in pace. Lasciateci libere di decidere se avere un figlio o meno. Non perché ci sentiamo invincibili e vogliamo decretare la vita o la morte di un’altra persona. Ma perché vogliamo decidere della nostra vita e della nostra morte. Smettetela di scandire slogan senza sapere cosa voglia dire essere donna madre figlia amante compagna nello stesso tempo. Smettetela di parlare di rianimazione di feti, di moratoria sull’aborto, di omicidio perfetto, di cambiare la 194, perché i veri carnefici siete voi.”

(Lettera a firma Benedetta Celata / D La Repubblica delle Donne / 15 marzo 2008 ).

Ultimo aggiornamento ( sabato 15 marzo 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB