spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 35 arrow Iran - Oscurantismi ed oscuramenti: chiuso Zanan il giornale di Shahla Sherkat
Iran - Oscurantismi ed oscuramenti: chiuso Zanan il giornale di Shahla Sherkat PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
sabato 15 marzo 2008

ImageIRAN - Ennesimo sussulto oscurantista in Iran, dove diritti e libertà sembrano sempre più restringersi, per farsi appannaggio di ologarchi oscuri e retrogradi: Shahla Sherkat, giornalista da 28 anni, laureata anche in psicologia, era editrice e direttora del mensile "Zanan" (Donne) a Teheran, giornale scomodo, che proprio di recente è stato chiuso. Proveniente dall’ esperienza di direttrice del settimanale filogovernativo "Zan-e Rouz" (Donna oggi), culminata con una estromissione a causa del suo disaccordo sul tipo d’immagine che si dava della donna, immagine cara governo iraniano esclusivamente conservatrice e religiosa, Shahla Sherkat fondava il suo nuovo quotidiano nel 1991. Unico mensile iraniano nel campo dei diritti delle donne, è stato chiuso perché secondo il regime «turba gli animi e le coscienze».

La notizia rilanciata dal settimanale D la Repubblica delle Donne, segnala come "la direttrice Shahla Sherkat e le sue redattrici sono accusate di avere «diffuso un’immagine buia dell’Iran, compromettendo la salute psicologica dei lettori»". Regime incapace di vedere quanto l'immagine buia dell'Iran derivi dagli stessi propri comportamenti, o semplice propagandismo interno e furberia? Ai posteri l'ardua sentenza!

Fatto sta che Zanan "esisteva da 16 anni e toccava vari argomenti tabù come le discriminazioni antifemminili nelle università, le violenze di polizia contro le «malvelate», divorzio, prostituzione, aids. Vendeva ormai 400mila copie" ed "oltre cemto personalità internazionali hanno già firmato una protesta, inviata poi la governo di Ahmadinejad".

Ultimo aggiornamento ( sabato 15 marzo 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB