spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Maggio 2018 Giugno 2018 Luglio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 23 1 2 3
Settimana 24 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 25 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 26 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 27 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow RUSSIA - Anna Politkovskaja una giornalista coraggiosa
RUSSIA - Anna Politkovskaja una giornalista coraggiosa PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedý 25 gennaio 2007

ImageAnna Politkovskaja era nata a New York nel 1958 da genitori ucraini, diplomatici sovietici all'ONU. E’ stata assassinata il 7 ottobre 2006, a Mosca, con quattro colpi di pistola sulla porta di casa. Lascia due figli ed un’inchiesta a metà sulle torture dei russi in Cecenia che non potrà più essere pubblicata dal suo giornale, la Novaja Gazeta.

Aveva studiato all'università statale di Mosca ed era diventata una delle voci più autorevoli del giornalismo internazionale. Denunciava l’autoritarismo e la corruzione dilaganti in Russia, scrivendo scomode cronache di genocidio, di bombardamenti in centri abitati, di torture e rappresaglie contro la popolazione civile. Denunciava tutte le violenze e le violazioni dei diritti, compresi quelli umani.


Scriveva, riferendosi alla crisi Cecena, di “un'acuta crisi della civiltà, nella quale tutti i diritti umani, compreso quello all'informazione, sono regolarmente calpestati mentre quasi tutte le voci tacciono.[…] Il silenzio dei miei colleghi e quello della stampa internazionale sta stringendo la guerra in Cecenia in un abbraccio mortale fatto, com’è, solo di disinteresse. Non trovo nessuna giustificazione a questa situazione. Nessuna”.


Ha scritto un libro pubblicato in Italia da Adelphi, “La Russia di Putin” dove dice di lui: “Putin - figlio del più nefasto tra i servizi segreti del Paese - non ha saputo estirpare il tenente colonnello del KGB che vive in lui, e pertanto insiste nel voler raddrizzare i propri connazionali amanti della libertà. E la soffoca, ogni forma di libertà, come ha sempre fatto nel corso della sua precedente professione”. E prosegue: “La Russia ha già avuto governanti di questa risma. Ed è finita in tragedia. In un bagno di sangue. In guerre civili. Io non voglio che accada di nuovo”.

http://www.adelphi.it/diario/1984/2375/2377/diario.asp

Ultimo aggiornamento ( martedý 30 dicembre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB