spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Altri argomenti arrow Articoli arrow Selezione delle nascite non desiderata
Selezione delle nascite non desiderata PDF Stampa E-mail
Scritto da I.G.   
venerdì 08 febbraio 2008

ImageAccade al popolo Inuit nelle fredde regioni dell’alaska e del circolo polare artico: nasce un maschio ogni due femmine, in più i maschi nascono deboli prematuri e sottopeso rispetto alle femmine. In alcune aree, come ad esempio nei pressi della base americana di Thule, negli ultimi anni sono nate soltanto bambine. Lo squilibrio delle nascite, evidente e amplificato nel caso della popolazione Inuit è un fenomeno in atto in tutto l’emisfero settentrionale. Esso è connesso allo smaltimento degli inquinanti. Secondo uno studio dell’Istituto nazionale US Environmental Health Science , alla fine del 2007 sono 250.000 i maschi mancanti all’appello sia negli Stati Uniti che nel Giappone tenendo presenti le statistiche consolidate degli anni precedenti che al momento della nascita vedevano sempre, una leggera prevalenza di maschi rispetto alle femmine.

La causa risiede nell’inquinamento dell’aria e dei mari, le sostanze – distruttori endocrini , che ricordano nella struttura gli ormoni femminili - rilasciate dallo smaltimento di dispositivi elettronici (computer, radio, telefonini…) e lavorazioni industriali (DDT,PCB..) penetrano le pareti della placenta, nelle prime settimane di gestazione e causano il cambiamento di sesso del feto. . Le analisi del sangue delle donne e dei bambini Inuit hanno rilevato alti livelli di distruttori endocrini. Secondo gli autori sarebbe necessario rivedere l’autorizzazione all’uso di molti composti chimici, prima di utilizzarli su scala mondiale. I “curator dei feti” (ma non di bambini) non risulta al momento abbiano manifestato preoccupazioni per lo sterminio silenzioso del popolo Inuit.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 08 febbraio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB