spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2018 Settembre 2018 Ottobre 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2
Settimana 37 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 38 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 39 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 40 24 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Dati arrow India: silenziosa strage di donne
India: silenziosa strage di donne PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
giovedì 21 febbraio 2008

Image«L’india ha due piaghe: le donne sparite e le violenze contro i cristiani. Le prime si contano a decine di milioni, uccise nel grembo materno o da bambine. Quanto all'intolleranza anticristiana, l'ultima esplosione si è avuta nell'Orissa, ad opera di fanatici dell'induismo e delle caste alte». Ne hanno parlato i vescovi indiani nel corso di una assemblea plenaria riunitasi dal 13 al 20 febbraio. Ne scrive Sandro Magister su L’Espresso on-line il 20 febbraio.

«L'uccisione delle bambine sia nel grembo materno sia dopo la nascita –spesso con erbe velenose o annegandole, simulando un incidente– è una pratica che in India è fortemente diffusa. In molte famiglie la nascita di una bambina è considerata un peso insopportabile, anche per la costosissima dote che dovrà accompagnare il suo futuro matrimonio. La possibilità di conoscere in anticipo il sesso del nascituro ha moltiplicato a dismisura l'aborto selettivo delle bambine.

Per arginare la strage il governo indiano ha proibito l'individuazione prenatale del sesso, ma questo divieto è largamente aggirato. L'effetto è un impressionante squilibrio demografico tra i maschi e le femmine, che in alcuni luoghi raggiunte punte vertiginose. Nello stato del Madhya Pradesh, nei distretti di Bhind e Morena, vi sono oggi solo 400 donne ogni 1000 uomini.

La Chiesa cattolica si batte per contrastare il fenomeno e risvegliare le coscienze, con l'accordo di altre confessioni religiose. L'ultima iniziativa in questo senso è un appello lanciato a fine gennaio da duecento leader religiosi indiani, di fede cristiana, induista, islamica e sikh, contro questo "crimine contro Dio e contro l'umanità".»

 

Ultimo aggiornamento ( giovedì 21 febbraio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB