spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica Italiana arrow Donne medico: “vogliamo parte attiva nei programmi politici”
Donne medico: “vogliamo parte attiva nei programmi politici” PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
domenica 24 febbraio 2008

ImageROMA – “Gli effetti delle differenze di genere e le loro conseguenze devono essere prese in considerazione nelle politiche e nelle prestazioni sanitarie”. Lo affermano le donne medico della FNOMCeO (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), riunite nella Capitale per i lavori del gruppo Medicina declinata al femminile, che al riguardo hanno fatto pervenire una lettera-appello ai candidati premier: “Chiediamo a voi tutti la massima attenzione nel considerarci parte attiva nei vostri programmi politici” e “contatti con i ministeri Pari Opportunità, Salute, Lavoro, Famiglia, per articolare -fin dall’inizio del mandato- forme di collaborazione.”

Il gruppo nato, dalla “progressiva femminilizzazione del mondo della sanità” (nel 1990 le donne medico iscritte erano il 25%, oggi sono il 34,5% : ben 131.052 di cui oltre il 60% al di sotto dei 35 anni) ricorda che “gli Ordini dei Medici sono un organo ausiliario dello stato, impegnati nel governo etico e deontologico della categoria, naturale osservatorio delle professioni sanitarie e delle interazioni con i cittadini”, e chiede ai candidati premier attenzione nel considerarlo “parte attiva nei loro programmi politici” .

“Presentiamo questo richiesta –si legge nell’appello- perché abbiamo competenza e conoscenza nel mondo della salute,siamo abituate a lavorare in rete, mediando problemi e trovando soluzioni e sintesi, pratichiamo la cura come slancio creativo, con una visione organizzativa e gestionale. Siamo in linea con la raccomandazione del Consiglio dei ministri d’Europa del 30 gennaio 2008. CM/rec (2008)1 che dice fra l’altro “..l’obiettivo per produrre uguaglianza, equità e rispetto dei diritti umani per la dignità dell’individuo nell’ambito della salute richiede che gli effetti delle differenze di genere e le loro conseguenze siano prese in considerazione nella pianificazione delle politiche sanitarie, nelle prestazioni sanitarie e nei processi derivanti.”
 

 

 

Ultimo aggiornamento ( giovedì 28 febbraio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB