spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




GRANDE VERONICA!!! PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 31 gennaio 2007

ImageBerlusconi l’ha rifatto! Alla cena seguita al galà per la consegna dei Telegatti, si lascia andare, nei confronti di due donne, a commenti (ma lui direbbe complimenti) poco ortodossi. Nulla di nuovo, apparentemente. Ma questa volta la signora Veronica non ci stà ed in una lettera indirizzata al direttore de La Repubblica chiede al marito, personaggio pubblico “pubbliche scuse non avendone ricevute privatamente”.

"Considerazioni inaccettabili" scrive la moglie di Berlusconi, "lesive della mia dignità", affermazioni che "non possono essere ridotte a scherzose esternazioni".

Chiede rispetto Veronica. Prima di tutto.

“Scrivo -si legge nella lettera- per esprimere la mia reazione alle affermazioni di mio marito” che “rivolgendosi ad alcune delle signore presenti, si è lasciato andare a considerazioni per me inaccettabili: " ... se non fossi già sposato la sposerei subito" "con te andrei ovunque". Sono affermazioni che interpreto come lesive della mia dignità, affermazioni che per l´età, il ruolo politico e sociale, il contesto familiare (due figli da un primo matrimonio e tre figli dal secondo) della persona da cui provengono, non possono essere ridotte a scherzose esternazioni. […] Oggi nei confronti delle mie figlie femmine, ormai adulte, l´esempio di donna capace di tutelare la propria dignità nei rapporti con gli uomini assume un´importanza particolarmente pregnante, almeno tanto quanto l´esempio di madre capace di amore materno che mi dicono rappresento per loro; la difesa della mia dignità di donna ritengo possa aiutare mio figlio maschio a non dimenticare mai di porre tra i suoi valori fondamentali il rispetto per le donne, così che egli possa instaurare con loro rapporti sempre sani ed equilibrati.”


Leggi il testo integrale della lettera

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 31 gennaio 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB