spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow Il coraggio di una donna in difesa dei diritti umani
Il coraggio di una donna in difesa dei diritti umani PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
sabato 22 marzo 2008

Image
Il Dalai Lama e Nancy Pelosi
INDIA - Nancy Pelosi, la speaker democratica della Camera Usa, il 21 marzo si è recata in visita al Dalai Lama, Premio Nobel per la pace, incontrandolo a Dharamsala, in India, nella sua abitazione. Dopo il silenzio degli Usa sulle violenze in Tibet, rotto solo il giorno prima con l'invito alla "moderazione" rivolto alla Cina dal segretario di stato, Condoleezza Rice; dopo il colpevole far finta di nulla della santa sede guidata da Papa Ratzinger; dopo la mancata accoglienza da parte dei governanti italiani che nel corso della visita del Dalai Lama lo scorso dicembre nel nostro paese non lo vollero incontrare, ci voleva il coraggio di una donna per prendere posizione contro le violenze in Tibet, e compiere un gesto -una visita- che è valso più di mille parole. "E' il nostro destino aiutare la gente del Tibet. Se il mondo non si esprime contro la Cina e contro i cinesi in Tibet, allora vuol dire che abbiamo perso tutta l'autorità morale per parlare di diritti umani" ha dichiarato davanti a circa 2mila persone, dando vita ad un incontro che, pur non volendo aprire la strada al boicottaggio delle olimpiadi, ha fortemente sollecitato una chiara presa di posizione globale, e la richiesta dell'apertura di un'indagine internazionale sulle violenze in Tibet e sulle loro reali conseguenze in termini di perdite di vite umane.

Non ha tardato a farsi sentire la replica del Governo cinese che in una nota del portavoce Qin Gang diffusa sul sito web del ministero degli Esteri di Pechino, all'indomani delle dichiarazioni della Pelosi, ha definito ogni appoggio dato alla “cricca del Dalai Lama” una azione agita in violazione di “tutti i principi delle relazioni internazionali”. Se lo dicono loro...

Ultimo aggiornamento ( sabato 22 marzo 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB