spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Donne Manager? solo 6,5 su cento PDF Stampa E-mail
Scritto da I.G.   
mercoledì 26 marzo 2008

Roma- Ad una classe politica vecchia e maschile si affianca una classe industriale ancora più vecchia e Imagemaschile. I dirigenti delle aziende Italiane sono uomini nel 93,5% dei casi, ed hanno un’età media over 50. Le donne dirigenti sono soltanto una sparuta minoranza 6,5 su 100.Sono i dati della ricerca realizzata da Fondirigenti in collaborazione con la Luiss , presentata nei giorni scorsi a Reggio Emilia, che ha riguardato oltre 84.000 dirigenti delle piccole e medie aziende che operano nel nostro paese. Degli 84.025 dirigenti italiani oltre il 70,5% lavora nelle regioni del Nord, il 21.4 al centro ed appena l’ 8% al sud. Alla ricerca di Fondirigenti fa riscontro l’indagine collegata presentata nella sede dell’imprenditoria Salernitana e dedicata al management femminile, pubblicata su IS news.

 

Il profilo delle donne manager che emerge della ricerca parla di dirigenti in grado di affrontare la complessità e di trovare e proporre soluzioni meno “ortodosse”, più innovative e flessibili rispetto ai colleghi. Ma certamente il basso numero si traduce in un ostacolo al rinnovamento. Come per i dati relativi all’occupazione il 45% delle donne dirigenti lavora in Lombardia e soltanto il 2% al sud. Le donne manager hanno un’età media di 45 anni, sono tutte laureate, (mentre gli uomini hanno una laurea solo nel 65% dei casi) e nella maggioranza dei casi hanno un’esperienza di lavoro ventennale. Anche per loro si registra una disparità retributiva. Le donne manager guadagnano in media 85.000 Euro l’anno mentre i loro colleghi, ne guadagnano in media 95.000. Le differenze retributive più alte riguardano le donne sposate, e in misura ridotta le single. La ricerca ha evidenziato come le donne manager offrano rispetto ai colleghi maschi una maggior propensione al nuovo e una grande passione per la ricerca e lo sviluppo nonché una spiccata disponibilità a sperimentare nuovi mercati e una capacità “innata” di discernere quali sono le alleanze commerciali che si riveleranno più proficue nel tempo.
Va sottolineato che il sistema produttivo italiano caratterizzato da 521.170 piccole imprese con meno di 10 dipendenti, da 173.270 medie imprese con un numero di addetti inferiore a 500, e da 144.920 grandi aziende con otre 500 dipendenti avrebbe davvero un gran bisogno di manager. Mentre dalla ricerca emerge ancora che l’82 per cento delle aziende italiane è a conduzione familiare.
 
Ultimo aggiornamento ( mercoledì 26 marzo 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB