spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 37 arrow I costi del capitalismo nostrano
I costi del capitalismo nostrano PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
domenica 06 aprile 2008

Image ROMA -  Nel Paese Europeo che vanta il più alto numero ed  i più alti stipendi per i parlamentari grandi e piccoli  ed  i  più bassi salari per lavoratori e lavoratrici, anche le imprese, le banche e le assicurazioni  vantano il più alto numero di consiglieri di amministrazione. Se i costi dei politici  vengono pagati da tutte/tutti noi, anche  i costi dei consiglieri vengono pagati dagli azionisti  grandi e piccoli e non solo. Sui numeri e sui costi della politica abbiamo una serie di dati e statistiche che consentono di programmare riduzioni e contenimenti di spesa ma sui consiglieri di Amministrazione? 

Il presidente della Consob, Cardia su Affari e Finanza parlando del numero delle “poltrone” le ha definite di “dimensioni  ipertrofiche”. Secondo i dati da lui forniti il numero medio dei consiglieri di amministrazione in Italia è del 14,3% contro il 10,8% delle maggiori società inglesi. In Inghilterra il 60% delle società ha meno di 12 consiglieri mentre in Italia soltanto il 30%. La situazione è peggiore per le Assicurazioni che, in oltre il 90% dei casi hanno più di 12 consiglieri, e per le Banche che hanno megaconsigli nel 70% dei casi contro poco più del 30% delle società industriali. Come i compensi degli onorevoli deputati e senatori, anche quelli dei manager e dirigenti d’azienda sono una “variabile indipendente” dal risultato, sia dalle performance di borsa che dalle variazioni dell’utile.  FONDIARIA-Sai perde in borsa il 18,4% eppure  il consiglio di amministrazione decide di assegnare 1milione di euro in più alla presidente Jonella Ligresti ed al fratello Paolo  a titolo di “emolumento per la carica” (?) rispettivamente 4milioni 501mila euro e 4milioni e 490mila euro. Un altro esempio? Fedele Confalonieri di Mediaset: il titolo perde in borsa il 27,3% ma  Fedele passa da 3.071.000 a 3.304.000, un rotondo 10% in più. All’estero i compensi di chi sta al vertice, nella maggioranza dei casi, rispecchiano  le performance delle società. Sarebbe tempo di adeguare anche il capitalismo “familiare” nostrano a queste sane abitudini.

Ultimo aggiornamento ( domenica 06 aprile 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB