spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 37 arrow Judith Butler: oltre il genere per ripensare tutte le libertÓ possibili
Judith Butler: oltre il genere per ripensare tutte le libertÓ possibili PDF Stampa E-mail
Scritto da Michela Cozza   
giovedý 27 marzo 2008

Image
Judith Butler
Roma Quella che troverete di seguito è una successione di domande e risposte che Judith Butler è andata formulando ed esponendo in occasione della giornata di studio su «Sovranità, confini, vulnerabilità» tenuta lo scorso 27 marzo presso l’Aula Magna della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Roma3. Con la Butler – teorica del gender e figura di spicco della queer theory – arriva come un vento fresco e salutare, per ripensare tutte le libertà possibili.

Certe perdite mi minacciano, se perdo l'altro, chi sono io? Il mio corpo reclama diritti non solo miei. La nazione mi garantisce o mette in pericolo la mia sopravvivenza? Dove come e perchè un confine può essere attraversato? Sono stata separata dagli altri e mi devo mettere in relazione con gli altri: io sono legata a te nella mia separatezza. Sono cittadina di una idealizzazione del crimine in guerra. Esiste la dipendenza politica, perchè dipendiamo da certe persone piuttosto che da altre? Perchè la violenza degli stati è giustificata? Perchè è ingiustificata per chi si oppone?Abbiamo orrore morale di fronte alla violenza. L'orrore morale è umanità? Perchè certe morti non ci toccano, non le percepiamo come morti? Ed invece certe vite diventano vivibili e degne di essere protette? Cosa permette che una vita diventi visibile e cosa ci impedisce di vederla tale?


Ricco e stimolante il suo pensiero rappresenta da sempre un caleidoscopio utile a ripensarsi e ripensare le logiche identitarie. In Corpi che contano (trad. 1996) Butler applica strategicamente al sesso la lettura critica abitualmente rivolta al genere. La femminista di Berkeley – colpendo al cuore il pensiero della differenza – propone di pensare al sesso nella sua materialità corporea come norma costruita dalla capacità performativa del discorso. Butler attacca così la norma eterosessuale che, nel definire ciò che è “normale” e “naturale”, stabilisce un ordine gerarchico, patriarcale, egemonico. La critica alla norma vigente giunge al suo culmine nell’ultimo lavoro apparso in Italia dal titolo piuttosto esplicativo: La disfatta del genere (trad. 2006). In esso, proseguendo l’opera di decostruzione del pensiero della differenza di matrice europea, l’autrice s’interroga sulle possibilità, materiali ed immaginative, corporee e simboliche, della vita possibile oltre ogni pretesa di naturalità ed universalità.

Questa stessa attenzione alle “condizioni di possibilità” caratterizza la produzione butleriana più recente che, alla luce degli eventi dell’11 settembre 2001, confluisce in una teoria della relazione fondata su un’etica nonviolenta. Lontana da un pacifismo semplificatorio Butler ci ricorda, in quanto umani, che se da un lato siamo tutti vulnerabili, dall’altro sembrano esistere diversi “gradi di umanizzazione”, come se alcune vite fossero degne di essere celebrate ed altre destinate a rimane in un limbo di invisibilità.


Come corpi, siamo esposti agli altri. Le parole non cambieranno il corso della guerra, eppure si fanno ostinata vita, vulnerabili sopraffatte infuriate spossate, diventano conseguenze politiche, comunicabili, in mezzo alla solitudine fisica”.

 

Ultimo aggiornamento ( domenica 06 aprile 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB