spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 37 arrow SALUTE - Tumore al seno: le occidentali 6 volte pių a rischio
SALUTE - Tumore al seno: le occidentali 6 volte pių a rischio PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
lunedė 31 marzo 2008

ImageROMA - Gli stili di vita occidentali aumentano in maniera sensibile la probabilità di contrarre un tumore al seno. Al punto che il rischio di incidenza è almeno di 6 volte superiore, comparato al rischio cui sono esposte le donne di altre culture. Gravidanza tardiva, vita sedentaria, obesità, cattive abitudini alimentari, assunzione di terapie a base di estrogeni, tra i principali fattori di incidenza. Lo afferma uno studio condotto da Gabriel N. Hortobagyi, uno maggiori oncologi ed esperti a livello mondiale della terapia per il tumore al seno, patologia che resta di gran lunga la forma di cancro femminile più diffusa: si stima infatti che ogni anno nel mondo oltre 1milione di donne si ammali, mentre  più di 500mila sarebbero le donne che ne muoiono.

Il trattamento del tumore al seno, si avvale principalmente dei progressi ottenuti dalla ricerca. Così, tra i maggiori fattori di incidenza per le donne occidentali, segnalati nel corso del convegno "Stato dell'arte e controversie nel carcinoma mammario (tenutosi nello spazio Montecitorio Eventi a Roma), entrano anche quelli determinati da nuovi comportamenti e tendenze sociali, quali la gravidanza tardiva. Gli studi, hanno infatti dimostrato che “avere figli in età precoce riduce la percentuale di rischio. Il problema è che, in Occidente, assistiamo alla tendenza opposta".


Ma all’incidenza del tumore al seno contribuiscono anche disturbi alimentari, l'obesità, e l’abitudine all’assunzione di bevante alcoliche, che possono contribuire a “far aumentare l'incidenza di quasi il 30%". Strali anche sulle abitudini di vita improntate alla sedentarietà: secondo Hortobagyi, ad esempio, "le donne che sono sempre state abituate, fin da bambine, a svolgere esercizi fisici anche strenui, come la ballerina o la ginnasta, hanno un basso livello di contrazione di estrogeni che riduce i fattori di rischio".


Incriminata anche la terapia sostitutiva ormonale (con i cerotti), a base di estrogeni, un tempo frequentemente utilizzata per la menopausa e per prevenire malattie cardiovascolari (infarto o ictus), che nel tempo "ha evidenziato un aumento del rischio di tumore al seno".

Nonostante il quadro e le prospettive non siano tra i più rassicuranti, si sottolineano i successi ed i passi in avanti fatti dall’oncologia rispetto a 30 anni fa, non solo grazie ad alcuni farmaci, ed alla prevenzione, quanto anche grazie al lavoro di gruppo, che ha riunito equipe di specialisti: lavorare in sinergia porta ad una maggiore e migliore raccolta di informazioni. Un team, segnala Paolo Marchetti, professore di Oncologia medica al policlinico Sant'Andrea di Roma e moderatore del convegno, che "dovrebbe perlomeno essere formato da un chirurgo, un radiologo, uno psicologo ed un medico di base".

(Rielaborazione su fonti Dire e Adnkronos)

Ultimo aggiornamento ( domenica 06 aprile 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB