spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Aprile 2017 Maggio 2017 Giugno 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 18 1 2 3 4 5 6 7
Settimana 19 8 9 10 11 12 13 14
Settimana 20 15 16 17 18 19 20 21
Settimana 21 22 23 24 25 26 27 28
Settimana 22 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne


video testimonianza Bignardi
video testimonianza Bignardi
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
Manchester 22 Maggio 2017
Pace - Inutili stragi
Scritto da Eva Panitteri   

ImageMANCHESTER - Il cerchietto con le orecchie diventa un nastrino nero, il simbolo per ricordare le vittime teenager dell'attentato alla Manchester Arena alla fine del concerto della cantante Ariana Grande. Il tempo si ferma ancora una volta per tante giovani vite, il 22 maggio, poco dopo le 22:30. Così l’ accessorio amato dalla cantante ed indossato anche dalle sue fan, presta le orecchiette al nastrino del lutto, e ci ricorda della giovane età delle vittime di quest’ultimo attentato. Il più vigliacco, se fosse possibile immaginare su una scala, quale tra gli attentati compiuti sino ad oggi sia il più vile. Le comunità radicali attive in questo modo in tutta Europa, ma non solo, e che si ritengono eroiche combattenti, sono al contrario, e più semplicemente, vigliacche schiere capaci solo di scegliere quali persone disarmate colpire in momenti del proprio quotidiano. Nessun onore. Nessuna gloria. Solo stragi. Alle quali bisogna diventare capaci di opporre strade e pensieri di pace.

 
1992-2017 Falcone e Borsellino 25 anni dopo
Mafie - Mafie
Scritto da EP   

Image25 ANNI DOPO «Cosa significa ricordare Falcone e Borsellino oggi per noi? Ricordarli significa fare giornalismo. Detta così può significare tutto e niente, può sembrare una formula vuota e stantia. Allora dobbiamo fare un passo indietro e chiederci: cos'è il giornalismo oggi, nel tempo del rumore, delle grida continue, delle tifoserie scatenate? È la capacità di coltivare dubbi, di non fermarsi alla superficie delle cose, all'apparenza, ma di cercare con caparbietà e passione. Nelle vicende di mafia questo è fondamentale. Perché di verità su queste vicende se ne presentano sempre diverse e a volte tutte insieme. È la capacità di tenere stretti fili che servono a riannodare i pezzi di una storia, a ricostruire contesti, a illuminare il presente.» (Leggi l’articolo di Mario Calabresi - Direttore di Repubblica)

 
Elementals. Letture d'autore
Brevi 2 - Arte, Libri, Cultura
Scritto da La Redazione   

ImageLIBRI - Leggere ELEMENTALS “avvicina all’essenziale e, potrei dire, ai fondamentali” scrive Gina Di Francesco nella sua prefazione al libro di Nicole Marinucci e Giulia Rosati che si fanno chiamare "Jilli e Parker". “ELEMENTALS sono prima di tutto il valore assoluto e inalienabile della natura che ci circonda, l’umanità che c’è in essa e il valore assoluto e non trattabile di tutti gli esseri che popolano la terra”. Un libro “scritto sotto forma di racconti che oscillano sempre tra il fantastico e il reale […] note di viaggi veri fatti dalle autrici, diari di vita, poemi onirici”. “Se possiamo ritrovare nei boschi e in tutti gli elementi naturali diversi linguaggi, una comunicazione vera profonda non in superficie, pentagrammi nuovi da musicare e suonare nella vita quotidiana allora possiamo ritrovare una favolosa musica come aria nuova nella nostra esistenza.”

 
Mostra fotografica "La voce delle donne "
Brevi 2 - Arte, Libri, Cultura
Scritto da La Redazione   

ImageROMA - Dal 2006 al 2017 le donne uccise in Italia sono state 1740 e di queste più del 70% in ambito familiare. Nella maggior parte dei casi, il femminicidio è preceduto da atti di violenza fisica e psicologica. Le cronache dei media raccontano solo le storie in cui la violenza fisica è stata portata a compimento, mentre la violenza quotidiana spesso è fatta passare in secondo piano. Su queste basi prende vita e acquista rilevanza il progetto fotografico “La voce delle donne – considerazioni al femminile riguardo alla violenza di genere” cui hanno partecipato 21 donne che hanno aderito concedendo la loro immagine ed esternando il proprio pensiero sul fenomeno della violenza di genere. Un progetto solo in parte fotografico, dal quale è stato realizzato un libro che uscirà a fine maggio. La mostra è stata presentata alla Casa Internazionale delle Donne di Roma lo scorso 20 maggio.

 
Venezuela: donne in piazza per la pace
Politica internazionale - Politica internazionale
Scritto da La Redazione   

ImageVENEZUELA - Il 6 maggio "una protesta di sole donne, senza uomini e senza armi". Contro la repressione e per la democrazia scenderanno in piazza solo le donne. Vestite di bianco e con un fiore, per chiedere che "cessi la repressione e si restituisca la democrazia nel nostro paese". Questo l'appello di Lilian Tintori, moglie del leader dell'opposizione Leopoldo Lopez in carcere da tre anni. "Ai militari della Guardia Nazionale diciamo: scendete dai blindati e abbracciate le vostre donne, le vostre madri, le vostre mogli. Basta uccidere, basta con la paura e la violenza". Lilian Tintori si è anche rivolta direttamente al ministro della Difesa, Vladimir Padrino Lopez, a cui ha chiesto: "Ordinerai di sparare anche contro le donne? Lascerai che Maduro ti faccia sporcare di sangue l'uniforme? Hai un'ultima possibilità questo sabato, non sprecarla". (La Repubblica.it)

 
#Bastabufale incontro alla Camera
Linguaggi e media - Il mondo del WEB
Scritto da EP   

ImageROMA - #Bastabufale, incontro alla Camera sulle fake news. La Presidente della Camera Laura Boldrini prende parte all'incontro “#Bastabufale. Impegni concreti”, che si è tenuto stamattina, 2 maggio, nella sala Regina di Palazzo Montecitorio. Alla discussione sul tema delle fake-news, moderato da Geppi Cucciari, prendono parte il giornalista Paolo Attivissimo, famoso per la sua attività di debunking (smentire le bufale), che sulle bufale dice: “sono incontenibili, e vano tirate fuori”; la ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, il Presidente di Confindustria Francesco Boccia e la Presidente della Rai Monica Maggioni. Da tutti gli interventi emerge la necessità di trovare modalità condivise per un uso coretto della rete “come luogo di diritti e doveri, rispetto e crescita”(Fedeli). Al di la delle dichiarazioni d’intenti, mancano sinora azioni concrete, segnala Attivissimo. E dal MIUR, la Ministra Fedeli auspica che università ed enti di ricerca tornino a “riscoprire il proprio ruolo strategico, per l’individuazione di soluzioni”. Serve la consapevolezza di come stare in rete. Le competenze di cittadinanza digitale oggi sono fondamentali. “E’ importante -conclude Fedeli - che le istituzioni centrali diano l’esempio scegliendo di collaborare.” Ed invita tutti gli attori istituzionali a mettersi insieme per far partire, da settembre, un’azione condivisa.

Leggi tutto...
 
Legge elettorale - ma che sia PARITARIA
Politica Interna - Politica
Scritto da irene Giacobbe   

ImageRoma, 28 aprile 2017 - Il Presidente della Repubblica ha ricevuto al Quirinale la Presidente della Camera, Laura Boldrini ed il presidente del Senato, Pietro Grasso, ed ha ricordato l’esigenza di procedere all’armonizzazione delle leggi elettorali, oggi diverse, per l’elezione dei deputati e dei senatori.  L’accordo di Azione Comune per la Democrazia Paritaria rinnova ancora una volta con una lettera inviata sia al Presidente Mattarella che al Presidente della Conferenza delle Regioni, la parità 50 e 50 “qualsiasi sia la legge elettorale” che il Parlamento deciderà di adottare.

Seguono le due lettere sottoscritte da tutte le associazioni

Leggi tutto...
 
Basta molestie sessuali in TV
Violenza di genere - Iniziative di sensibilizzazione
Scritto da Eva Panitteri   

ImagePETIZIONI -Dopo le gravissime molestie ai danni della cantante Emma Marrone viste nella puntata di AMICI del 23 aprile (Canale5), su Change.org è stata lanciata la petizione “Basta alle Molestie Sessuali in Televisione”. Nella puntata in questione, ad una imbarazzatissima Emma Marrone, che rivedere la clip del cosiddetto ‘scherzo’, fanno disgustosamente da contorno le facce divertite delle persone presenti in studio ed una Maria De Filippi straordinariamente compiaciuta della scaletta di quello che presenta come un “balletto a luci rosse”. Tanto per non farsi mancare nulla nel circo degli orrori, il sonoro sottolinea le molestie con jingle modello paperissima e risate corali ad ogni palpata! Imbarazzante la successiva corsa a minimizzare e dissimulare la natura dei fatti, cui partecipano il Corriere della Sera, che presenta quanto accaduto come uno “scherzo” andato “un po’ oltre misura al quale la cantante ha reagito male ed il TgCom24 che parla di “scherzo hot” e di una Emma Marrone che esagera nella sua reazione. Bisogna lanciare un segnale importante soprattutto “in un paese già affetto da tassi elevati di femminicidio e di violenza a danno delle donne”. Per nessuna ragione si può infatti far credere che gli abusi siano normali. Così normali che diventano perfino divertenti. Così divertenti che se ti ribelli, sei una che se la prende troppo". Firma la petizione su Change.org a Pietro Grasso, Presidente del Senato, Laura Boldrini, Presidente della Camera, alla sottosegretaria alla Presidenza con delega alle Pari Opportunità Boschi, a Mediaset e Maria De Filippi.

 
Sulle vie della parità
Lavoro&pari opportunità - Pari Opportunità
Scritto da La Redazione   

ImageOggi 28 aprile si terrà la premiazione del Concorso Nazionale di Toponomastica "Sulle vie della parità" giunto alla sua quarta edizione. Il concorso vuole guidare alla riscoperta di quelle “figure femminili che, pur avendo contribuito allo sviluppo socio-culturale del territorio e del Paese intero, sono state poi dimenticate”. Ma non solo. All’edizione 2017 la cui premiazione sarà al MIUR, a Viale Trastevere a partire dalle 10:30, partecipano scuole da tutta Italia, e presentano interessanti lavori. Il gruppo 'Toponomastica femminile' nasceva su Facebook all’inizio del 2012, su iniziativa di Maria Pia Ercolini, animato dall'idea di «impostare ricerche, pubblicare dati e fare pressioni su ogni singolo territorio affinché strade, piazze, giardini e luoghi urbani in senso lato», cominciassero ad essere dedicati anche alle donne, per compensare l'evidente sessismo e lo sbilanciamento al maschile che caratterizzano l'attuale toponomastica.

 
Gabriele Del Grande torna libero
Politica Interna - Giornalismo
Scritto da Eva Panitteri   

ImageGIORNALISTI NEL MIRINO - Gabriele Del Grande è libero. Il reporter, regista e blogger di Lucca fermato il 9 aprile scorso al confine con la Siria, dove stava facendo alcune interviste, e poi trattenuto in un centro di detenzione amministrativa in Turchia è rientrato in Italia. "Sto bene, il problema è stata la detenzione, la privazione della libertà personale. Non ho subito alcun tipo di violenza", ha detto Del Grande ai cronisti al suo arrivo a Bologna. "Sono stato vittima di una violenza istituzionale. Quello che mi è successo è illegale, un giornalista privato della libertà mentre sta svolgendo un lavoro in un paese amico", ha spiegato. "Non ho ancora capito perché sono stato fermato, gli avvocati cercheranno di capirlo".(ANSA) Video dell’intervista con Del Grande a Gazebo

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 30 di 1573
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB