spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Luglio 2019 Agosto 2019 Settembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4
Settimana 32 5 6 7 8 9 10 11
Settimana 33 12 13 14 15 16 17 18
Settimana 34 19 20 21 22 23 24 25
Settimana 35 26 27 28 29 30 31
 


AFFI


tel_antidiscriminazioni_razziali
tel_antitratta
tel_antiviolenza_donna
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
In difesa della Casa - 1000 Voci (9) Dalla conferenza stampa del 24 maggio
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da EP   

ImageROMA - La battaglia in difesa del Buon Pastore continua. Alla conferenza stampa del 24 maggio la presidente Francesca Koch ha dato lettura di una lettera inviata da Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio, che ha scritto: "Nei prossimi giorni proporrò alla giunta di dichiarare la Casa internazionale delle Donne sito di notevole interesse pubblico". D'accordo con Zingaretti la capogruppo della Lista Civica Zingaretti, Marta Bonafoni: "Il riconoscimento della Regione Lazio segnerebbe un punto politico di fondamentale importanza: la questione della Casa non si può trattare come mero fatto economico, bisogna prima di tutto che l'amministrazione ne riconosca il valore politico e sociale, come luogo di autodeterminazione delle donne, traguardo e riferimento di molte battaglie e esempio per le nuove generazioni. Ci auguriamo che il riconoscimento della Casa da parte della giunta regionale aiuti anche l'amministrazione capitolina a prenderne finalmente atto". Alla conferenza stampa è presente anche l'attore Marcello Fonte, premio come migliore attore al recente festival di Cannes per Dogman: "Cosa dico alla sindaca? È una donna, le dovrebbe interessare. La Raggi l'avevo vista all'inizio, tante belle parole. Vediamo adesso cosa dice, vediamo chi è veramente”. Interviene anche l’attrice Jasmine Trinca che dice: "C'è il problema di un concetto non capito fino in fondo: dove si pensa di avere un credito invece si ha un debito profondo". Il debito della città verso una delle sue realtà di maggior successo, aggiungiamo noi. E chi afferma il contrario (leggasi 'progetto fallito') parla di qualcosa che evidentemente non conosce!

 
In difesa della Casa - 1000 Voci (8) Conferenza stampa 24 maggio
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da EP   

Image
Centinaia in piazza per la Casa
CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE DI ROMA - Conferenza stampa giovedì 24 maggio alle 12 - Continua la mobilitazione delle donne romane contro la minaccia di sfratto dal Buon Pastore: “La Casa apre le porte, il Campidoglio le chiude”. Il prossimo appuntamento è giovedì 24 alle 12 per una conferenza stampa (Via della Lungara 19). Nonostante le centinaia di persone in piazza, e la solidarietà di molte donne e molti uomini della società civile, della politica e dello spettacolo ...Non è andata bene” è la valutazione della presidente della Casa internazionale delle donne Francesca Koch a conclusione del lungo confronto della delegazione del Buon Pastore con la sindaca di Roma Raggi e le assessore Baldassarre, Castiglione, e Marzano. “La sindaca insiste su una sua idea di rilancio della Casa sulla falsa riga della mozione promossa dalla presidente della commissione delle elette Gemma Guerrini. […] Sindaca e amministrazione comunale hanno, ovviamente, tutta la libertà di fare progetti per le donne, ma non come Casa Internazionale delle donne. Quello della Casa Internazionale è il progetto dei movimenti femminili e femministi, lo è da 40 anni e tale deve restare. La nostra autonomia e la nostra storia non sono oggetto di discussione. Il progetto Casa Internazionale delle donne -sottolinea il direttivo- è una esperienza di gestione di un bene pubblico affidata a realtà associative”.

QUI IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO DELLA SEGRETERIA CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE

 
In difesa della Casa - 1000 Voci (7) LA SCHEDA
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da La Redazione   

ImageUna casa per sé, una casa per tutte: CASA INTERNAZIONALE DELLE DONNE DI ROMA - Come ha ricordato Francesca Koch in conferenza stampa, rispondendo ad una domanda della giornalista del Corsera (21 maggio 2018), la richiesta di rivedere l'esoso "affitto" è stata una richiesta della Casa Internazionale rivolta all'amministrazione comunale, avanzata già nel lontano 2010 al Sindaco Alemanno, che rinnovò la Convenzione con la Casa fino al 2012. Con il Sindaco Ignazio Marino la questione fu affrontata in maniera più approfondita, ottenendo che un'apposita commissione, nominata dall'amministrazione, procedesse alla valutazione e rimodulazione dei costi esorbitanti che il mantenimento, e non soltanto l'affitto dei locali, richiedeva. Commissione che valutò in 750mila Euro il valore complessivo dei beni e servizi della Casa internazionale delle donne a favore di Roma.

La casa oggi è in lotta: sostienila col tuo 5x1000 - CF: 96386280588

LEGGI LA SCHEDA RIEPILOGATIVA DEI DATI SALIENTI

 
La Legge 194 compie 40 anni
Politica Interna - Legge 194
Scritto da Eva Panitteri   

Image40 ANNI DELLA 194 - Il 22 maggio ricorrono i 40 anni dell’approvazione della legge sull’interruzione di gravidanza, meglio nota come “Legge 194”. Un passaggio fondamentale che nel nostro paese ha permesso alle donne di abortire senza commettere un crimine, ed ha cancellato l’aborto effettuato in clandestinità restituendo alle donne dignità, parità ed il rispetto del diritto all’accesso alle cure che senza questa legge di fatto era loro negato. Non in tutte le regioni però le strutture pubbliche garantiscono l’accesso all’interruzione di gravidanza per via della colonizzazione delle posizioni da parte di medici che una volta ottenuto il posto…si scoprono obiettori di coscienza.In tutta Europa, inoltre, si segnalano attacchi al diritto all’autodeterminazione delle donne, e si moltiplicano tentativi talebani di restaurare il valore della famiglia “tradizionale”: a Genova e Roma l’associazione ProVita (sulla quale nel web si “mormora” di strette connessioni con Forza Nuova – basta fare una ricerca) martella con discutibile cartellonistica e falsi messaggi contro il diritto delle donne alla scelta di abortire e …“lancia la più grande campagna pro life nella storia d’Italia! Camion vela e manifesti in 100 Province per ricordare il fallimento della legge 194 Da lunedì 21 maggio”

In questo clima di attacco su più fronti alla legge 194 e in generale al diritto alla piena salute riproduttiva, che mette in campo l’uso strumentale dell’obiezione di coscienza” questo fine settimana LAIGA (Libera Associazione Italiana Ginecologi per l’Applicazione legge 194) celebra il suo quinto congresso (Roma, 25/26 maggio c/o Circolo Ufficiali Casa dell’Aviatore) con un incontro di formazione che fa il punto sui temi di contraccezione ed applicazione della legge 194. “Penso che non ci sia alcuna volontà di fare informazione sulla contraccezione. Anzi, vediamo che si va nel senso opposto e, accanto all’atteggiamento contro l'aborto, sta crescendo un’avversione anche per la divulgazione della contraccezionesegnala la presidente Silvana Agatone.

Incredibilmente, 40 anni dopo la sua approvazione, la legge 194 va ancora difesa. A riprova che un diritto acquisito, soprattutto se si tratta di un diritto delle donne, non sempre resta tale, né universalmente inviolato. La priorità è dare una corretta applicazione alla legge. Leggi qui le proposte dell'Associazione Luca Coscioni 

 
In difesa della Casa - 1000 Voci (6) Casa delle Donne del Mediterraneo
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da Surfing   

 ImageBARI «Senza distinzione di confini geografici, o interessi territoriali -scrivono dalla Casa delle Donne del Mediterraneo di Bari- riteniamo sia importante essere al fianco di donne attiviste e volontarie che nell’arco di trent’anni hanno costruito un presidio strategico per la storia democratica italiana. Un presidio che ogni Amministrazione Municipale dovrebbe proteggere e valorizzare. A Bari, la Casa delle Donne del Mediterraneo gode dell'utilizzo gratuito di locali di proprietà del Comune e, per l’utilità sociale dimostrata negli ultimi due anni, da qualche mese è stata esonerata anche dal pagamento di alcune utenze. Tutto ciò per dire che collaborare e costruire insieme si può e si deve se si ha a cuore la comunità.» Ci si chiede, fortemente (dalle pagine del Paese delle Donne Online) come mai, fino ad ora, il comune di Roma non abbia voluto “profondere il minimo sforzo per trovare una soluzione utile ad assicurare alla capitale un presidio così rappresentativo e strategico”. E per non rimanere solo s’sull’onda della critica, la proposta e quella di testimoniare la propria esperienza, a chi voglia ascoltarla, per trovare una soluzione per Roma. Il messaggio per la giunta capitolina 5star è: se si vuole, si può fare.

 
In difesa della Casa - 1000 Voci (5) Le CPO della STAMPA
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da Eva Panitteri   

 ImageROMA - Anche le Cpo Fnsi, Usigrai e di Stampa Romana con la casa delle donne. «Solidarietà incondizionata alla Casa Internazionale delle donne, da oltre trent’anni sede storica del movimento femminista, insostituibile punto di riferimento per le lotte in difesa dei diritti delle donne e presidio contro la violenza maschile sulle donne. Le Commissione Pari Opportunità della Fnsi, dell’Usigrai e di Stampa Romana si schierano al fianco delle decine di associazioni, cooperative, onlus che nella Casa operano e le cui attività sono messe gravemente a rischio per la decisione della giunta Raggi di riprendersi l’immobile del Buon Pastore. Stracciando l’accordo raggiunto con l’amministrazione Marino per la cancellazione del debitoLEGGI QUI IL COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO

 
In difesa della Casa - 1000 Voci (4) Walter Veltroni
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da La Redazione   

Image ROMA - A favore della Casa Internazionale delle donne di Roma anche la voce di Walter Vetroni che via Twitter stamattina scrive; "Per decenni la casa internazionale delle donne è stata un riferimento per la coscienza civile della città. Generazioni di donne hanno vissuto lì la battaglia politica per affermare i propri diritti e hanno fatto della 'casa' un luogo di ricerca culturale aperta. Non deve chiudere".

 
In difesa della Casa - 1000 Voci (3) GIULIA Giornaliste
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da La Redazione   

Image«La continuità della Casa Internazionale delle Donne, […] è gravemente a rischio proprio per decisione di Virginia Raggi, prima sindaca della Capitale. Una fredda scelta burocratica assunta per "riallineare la Casa alle moderne esigenze dell'amministrazione capitolina". […] Le giornaliste aderenti a GiULiA giudicano la minaccia alla Casa una minaccia alla libertà democratica di poter esistere, perché e benché non "allineata" a progetti esclusivamente economici. Per la Casa va trovata una soluzione "alta", degna di un Paese civile che sappia difendere la propria storia. Le giornaliste, impegnate ogni giorno sulle tematiche della violenza e nel contrasto alle discriminazioni di genere nei luoghi di lavoro, si sentono chiamate in causa da questa minaccia, proprio perché la Casa è su questi temi - "anche" su questi temi - un luogo di dibattito e di confronto democratico, uno dei pochi gestito e pensato per le donne e dalle donne. La rete GiULia si associa dunque alle iniziative di protesta, sollecita una soluzione mediata della vicenda ed invita tutte le giornaliste italiane a seguirne gli sviluppi con la massima partecipazione.» GiULiA Giornaliste sostiene la Casa Internazionale delle donne

 
In difesa della Casa - 1000 Voci (2)
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da La Redazione   

ImageA Roma si cerca, in extremis, una soluzione che non metta fine ad una delle esperienze più qualificanti dell'associazionismo civico cittadino. «Nella vicenda della Casa Internazionale delle Donne di Roma la ristrettezza delle casse del Campidoglio e la volontà politica della giunta 5 Stelle di perseguire il principio di legalità senza mediazioni - con l'affidamento dei servizi esclusivamente tramite bando - si scontrano con il radicamento in città di una realtà sociale e culturale attiva da oltre trent'anni. […] La scorsa settimana l'Assemblea capitolina ha votato, tra le proteste in aula, una mozione, prima firmataria la consigliera M5S Gemma Guerrini, che chiede di "riallineare e promuovere il progetto Casa Internazionale della Donna alle moderne esigenze dell'amministrazione e della cittadinanza", cioè di trasformare la struttura in "un centro di coordinamento gestito da Roma Capitale" con cui le associazioni di settore potranno collaborare tramite dei bandi.» LEGGI SU Repubblica.it Articolo di RORY CAPPELLI

 
In difesa della Casa Internazionale delle Donne
Politica Interna - Spazi da difendere
Scritto da Surfing   

ImageROMA - Pende ancora la minaccia dello sfratto sulla Casa Internazionale delle Donne di Roma, e le associazioni che la sostengono il 17 maggio sono state in Campidoglio per far sentire, con una “presenza massiccia ed indignata” il totale disaccordo della città con la relazione a firma Gemma Guerrini che dichiara FALLITO IL PROGETTO CASA INTERNAZIONALE sulla base del debito che la struttura ha nei confronti del Comune (non riesce a pagare integralmente l'altissimo affitto). La relazione Guerrini sorvola totalmente su “l’importanza della presenza politica e culturale del Femminismo e delle donne”, e dimentica che «tutti concordano sul fatto che la Casa Internazionale delle Donne svolga nella città una funzione preziosa, sia da trenta anni il luogo della politica e della cultura femminile e femminista, faccia vivere, mantenga aperto e fruibile un complesso architettonico del ‘600, fornisca consulenza, sostegno, aiuto contro la violenza e le discriminazioni di genere, senza aver mai ricevuto contributi pubblici per la gestione, senza nessun onere per l’amministrazione, a parte la mancata entrata di una parte di un canone.» La richiesta è quella di aprire un confronto, un dialogo. L'amministrazione pur dichiarando di "non voler chiudere la casa" nel frattempo prepara colpi di spugna e si sottrae ad un vero contronto. La domanda che ci facciamo da diverso tempo resta la stessa: ma perchè? Per approfondire leggi qui

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 151 - 180 di 1821
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB