spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Marzo 2018 Aprile 2018 Maggio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 14 1
Settimana 15 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 16 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 17 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 18 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 19 30
 


AFFI

Lobby EU Donne


tel_antidiscriminazioni_razziali
tel_antitratta
tel_antiviolenza_donna
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
Testamento biologico: da oggi si può!
Politica Interna - Biotestamento
Scritto da Eva Panitteri   

Image BIOTESTAMENTO - E’ in vigore dal 31 gennaio 2018 la legge sul Testamento Biologico per la quale l’Associazione Coscioni si è a lungo battuta. La legge è la n. 219/2017 Dat (Dichiarazioni Anticipate di volontà nei Trattamenti sanitari), approvata il 14 dicembre 2017 e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 16 gennaio 2018. Con le DAT si possono esprimere oggi le proprie preferenze in un biotestamento e dare indicazioni sui trattamenti sanitari che si vuole o non si vuole ricevere nel caso in cui, un domani, non si fosse nelle condizioni di comunicarle.Se state cercando il modulo su cui redigerlo, quello dell’Associazione Coscioni si scarica  QUI. Ma si può anche fare attraverso una  videoregistrazione e/o con dispositivi tecnologici che consentono alle persone con disabilità di comunicare. Informazioni complete a questo LINK Per impedire che la legge sia vanificata da burocrazia e illegalità, resta da sventare il pericolo della finta obiezione di coscienza, ottenere la piena collaborazione di tutti i Comuni, e la possibilità di inserire il biotestamento nella tessera sanitaria.

 

 
M5S cambia lo Statuto di Roma Capitale
Politica internazionale - Democrazia Paritaria
Scritto da GIM   

ImageROMA - Se Il buongiorno si vede al mattino… Per Roma “a 5 stelle” é notte FONDA! Ma che bella idea !!! Cambiare lo Statuto di Roma Capitale il 30 gennaio, con 27 voti a favore, 6 contrati e nessun astenuto (su 38 presenti, quindi con 5 presenti che non hanno partecipato al voto). I principali cambiamenti? Attaccare la rappresentanza.

Con l’eliminazione del criterio della composizione paritaria della Giunta di Roma Capitale e delle Giunte dei municipi.

Con la soppressione prevista nel nuovo Statuto della Commissione delle elette

Con la Commissione di Parità FATTA DAI CONSIGLIERI E DALLE CONSIGLIERE (?)

Leggi tutto...
 
Verso le elezioni del 4 marzo
Politica Interna - Elezioni
Scritto da Irene Giacobbe   

Imagell Ministero dell’interno ha pubblicato oggi 1 febbraio l’elenco dei simboli di partito ammessi - 84 - cioè 19 in meno rispetto a 103 presentati e l’elenco dei partiti che hanno presentato proprie liste per le elezioni del 4 marzo. http://www.interno.gov.it/it/speciali/elezioni-2018

Le forze politiche con il rispettivo programma e liste elettorali sono 45; di queste soltanto 5 indicano come “capo della forza politica” una donna. Si tratta di Emma Bonino per +Europa; Beatrice Lorenzin per Lista Civica Popolare; Giorgia Meloni per Fratelli d’Italia. A queste figure note si aggiungono Silvana Arbia per Stato Moderno Solidale e Viola Carofalo lista Potere al Popolo.

Sul sito sono pubblicati i programmi di tutte le forze politiche e la loro lettura fa la differenza . Le venature razziste, l’approssimazione sui temi economici, il pressappochismo, l’elencazione di facili slogan a grande presa, le idee “europee” talvolta esilaranti, DOVREBBERO INVITARE ALLA RIFLESSIONE .

http://dait.interno.gov.it/elezioni/trasparenza

 
Elezioni - Lucia Annibali: col PD per continuare la mia battaglia per le donne
Politica Interna - Elezioni
Scritto da EP   

ImageELEZIONI - L’Avvocata Lucia Annibali diventata il simbolo della battaglia contro la violenza di genere, si è candidata alla Camera dei Deputati nel collegio uninominale di Parma con il Pd. Una candidatura "per continuare la mia battaglia per le donne" ha affermato nell’intervista a Radio Capital ospite di Circo Massimo. «Una scelta che rientra in un percorso innanzitutto personale» racconta dalle pagine di VanityFair . «Ogni passo che io faccio è sempre in sintonia con quello che io sono e divento poco a poco. L’esperienza professionale al dipartimento della pari opportunità ha dato maggiore concretezza a me come persona e alle mie capacità di trasformare in realtà strumenti e iniziative a sostegno delle donne. Mi ha permesso di diventare una persona anche competente in questo». Insomma “una possibilità per occuparsi delle persone” ed “un'occasione per dare continuità al lavoro fatto in questo anno e mezzo di collaborazione con la ministra Boschi e il dipartimento delle Pari opportunità”. (Repubblica.it)

 
Elezioni - Rosy Bindi: NO ai voti della mafia
Politica Interna - Elezioni
Scritto da La Redazione   

ImageROSY BINDI - La presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi in vista delle elezioni del prossimo 4 marzo lancia un appello dallo studio RepTv in occasione di un servizio dedicato ad un anno di “Blog Mafie” condotto da Attilio Bolzoni e Giulia Santerini: "Tutte le elezioni ci devono trovare preparati -afferma Bindi- Il Ministro degli Interni ha proposto un patto a tutte le forze politiche. Io faccio un appello: Dichiarate che non volete i voti della mafia perché non è vero che i voti non odorano o i soldi non hanno odore. I soldi e i voti delle mafie puzzano. Una volta che li avete presi, poi condizionano la vostra azione politica e amministrativa" (Repubblica.it)

 
Elezioni - Emma Bonino e +EUROPA
Politica Interna - Elezioni
Scritto da EP   

Image EMMA BONINO «Ministri -o chiunque- devono essere competenti nella materia di cui si occuperanno. Altrettanto fondamentale la squadra che ci si mette intorno […] E’ un dovere civile battersi perché non vinca il fronte sovranista, populista con risvolti razzisti […] Il Rosatellum è una legge pessima, è discriminatoria: la porteremo in corte in Italia e in Ue […] La Bossi-Fini impedisce ai sindaci di occuparsi di integrazione […]Credo nella scienza. Non capisco come si possa dire torniamo indietro». Questo ed altri i temi nel programma di +Europa, esposto dalla sua leader, Emma Bonino, nell’intervista di Laura Pertici a Videoforum negli studi di RepTv (18/01/2018). I radicali, che seppure da più di 5 anni fuori dal parlamento hanno comunque conquistato risultati notevoli (biotestamento, divorzio breve - ndr) sono fortemente consapevoli di “quanto sia importante lavorare anche all’interno delle istituzioni”. Ed in chiusura l' APPELLO AI GIOVANI DISGUSTATI DALLA POLITICA

 
#VeritàperGiulio
Politica Interna - Legalità
Scritto da Surfing   

Image#VeritàperGiulio - Oggi 25 Gennaio 2018 “l'Italia si tinge di giallo per Giulio Regeni. A due anni esatti dalla scomparsa a Il Cairo del ricercatore friulano, alle 19.41 - l'ora dell'ultimo messaggio inviato da Giulio - oltre 100 piazze, da Nord a Sud, da Roma al Friuli Venezia Giulia, risponderanno all'appello della famiglia e di Amnesty International e, con fiaccole gialle, chiederanno verità e giustizia per il giovane torturato e ucciso in Egitto. La famiglia, come ha confermato all'ANSA la madre, Paola Deffendi, parteciperà all'iniziativa organizzata nella piazza di Fiumicello (Udine), paese natale di Giulio”. (rainews.it)

 
Prostituzione - 20-1-2018 Se ne discute a Roma
Questioni di genere - Convegni
Scritto da irene Giacobbe   

ImageRoma 21-gen-2018 - Nella sala “Carla Lonzi” della Casa Internazionale delle Donne di Roma affollata , da donne di ogni età, bianche, benestanti, beneducate, non banali e anche giovani uomini, abbiamo ascoltato la conferenza “Sex work is work” (senza punto interrogativo).

Dalle 16,00 alle 19,00 si sono susseguite le comunicazioni dal palco introdotte e coordinate da Barbara Bonomi Romagnoli.
Ha rotto il ghiaccio Maria Rosa Cutrufelli, ricordando come “sex work" sia parola recente, quindi un percorso storico : gli anni settanta, il libro “Prostituzione” (1971) il proprio libro sul “Cliente” 1981, il saggio del 2002 di Paola Manzini “il mercato delle donne”. Fu nel 1970 nel primo collettivo femminista per il salario del lavoro domestico che avvenne il primo incontro tra prostitute o lavoratrici del sesso e il femminismo. MR Cutrufelli ha ribadito che la prostituzione è un fatto politico come ha dimostrato il femminismo, che lo ha affrontato con reazioni emotive oscillanti dall’esasperazione alla dimensione politica. Oggi la discussione non si svolge più su posizioni di scontro radicale tra femministe e prostitute, bensì è la discussione tra femministe quella dai toni più accesi. Il confronto non implica la condivisione, ha aggiunto, ma l’esposizione delle rispettive posizioni.Al posto di prostituzione come “libertà di scelta” ha suggerito la denominazione di “scelta volontaria”.
 
Leggi tutto...
 
Prostituzione, Sfruttamento o Sex-Work?
Violenza di genere - Iniziative di sensibilizzazione
Scritto da La Redazione   

ImagePROSTITUZIONE - Siamo di fronte ad una recrudescenza di interesse nei confronti del business della prostituzione che "rende" sotto molti punti di vista. Anche in campagna elettorale, e pertanto incontra sostenitori e propaganda a tutti i livelli. “E’ necessario che il servizio pubblico informi i cittadini che le donne che si prostituiscono sulle nostre strade sono, per la maggior parte, vittime di tratta e di situazioni personali e famigliari violente e degradanti. […] Non ci interessa sentire che le prostitute non pagano le tasse o che avrebbero diritto di andare in pensione prima di altre categorie perché il loro mestiere è usurante. Ne abbiamo le tasche piene della frase penosa che si riferisce alla prostituzione come il mestiere più vecchio del mondo. Vogliamo una informazione civile e coerente con la realtà.” Lo afferma l’Associazione DonneinQuota prima firmataria di una lettera aperta ai direttori di RadioUno e RadioRai a seguito del servizio firmato da Amerigo Mancini sulla prostituzione andato in onda giovedì 17 gennaio al GR1 delle 8:00am. L'Italia, paese che ha milioni di clienti interessati a questo business(9 milioni stimati), patria di ben radicate associazioni criminali e mafiose, penalizza già lo sfruttamento della prostituzione, vieta bordelli e "case di appuntamento". Ma non impedisce a chi lo voglia di prostituirsi e non penalizza chi si prostituisce. Vieta invece di sfruttare il corpo altrui (sono ragazzine minorenni il 32% delle prostituite). Sabato 20 gennaio, alle 16:00 se ne discute alla Casa Internazionale delle Donne di Roma, Via della Lungara 19.

Leggi tutto...
 
Concorso di idee contro la violenza sulle donne
Violenza di genere - diffondere la cultura della non violenza
Scritto da SURFING   

ImageATTIVITA' DI SENSIBILIZZAZIONE - Le Democratiche della Provincia di Terni in occasione della Giornata Internazionale 2017 contro la violenza sulle donne, hanno presentato un concorso di idee (senza premi) sul tema della violenza di genere (scade il 28/02/2018). Con l'auspicio di contribuire a diffondere la cultura della non violenza e del rispetto. Il tema prende spunto dalle parole della canzone del cantautore Ermal Meta “Vietato morire”. Il concorso si articola in otto sezioni: poesia, documenti politici, racconti brevi, disegno, pittura, fotografia, musica, cortometraggi. "Le opere, i lavori che ci perverranno saranno oggetto di eventuali pubblicazioni o mostre che si svolgeranno nel prossimo mese di marzo. Partecipare non costa nulla è solo un tributo che vogliamo dare a chi si batte ogni giorno contro l’indifferenza e la rassegnazione. A chi ha perso orami la speranza oggi vogliamo gridare questo inno alla sopravvivenza e all’autodeterminazione: VIETATO MORIRE!" Tutte le informazioni si trovano accedendo al LINK all’articolo pubblicato da NOIDONNE

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 31 - 60 di 1655
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB