Strategia per la parità tra donne e uomini 2010-2015
Scritto da Eva Panitteri   
venerd́ 05 novembre 2010

ImageI risultati conseguiti dall'Unione europea nella promozione della parità tra donne e uomini hanno contribuito a cambiare in meglio la vita di molti cittadini europei e a gettare le basi su cui ora dobbiamo costruire una società con una effettiva parità di genere. Recentemente sono state constatate alcune tendenze incoraggianti, come un maggiore numero di donne sul mercato del lavoro e i progressi compiuti nell'acquisizione di una migliore istruzione e formazione. In molti campi restano però disparità tra donne e uomini e sul mercato del lavoro le donne sono ancora sovrarappresentate nei settori scarsamente retribuiti e sottorappresentate nelle posizioni decisionali. La maternità mantiene basso il tasso di occupazione femminile e in casa le donne continuano a lavorare senza retribuzione per più ore degli uomini. Le disparità tra donne e uomini violano i diritti fondamentali, impongono un pesante tributo all'economia e hanno come conseguenza una sottoutilizzazione dei talenti. Promuovendo la parità di genere possono invece essere ottenuti vantaggi economici e commerciali. (Leggi qui la comunicazione della Commissione)

Ultimo aggiornamento ( luned́ 08 novembre 2010 )