Vittima brutta, non Ŕ stupro. Sentenza shock di tre donne giudice della Corte d'appello di Ancona
Scritto da di MARIA ELENA VINCENZI (Repubblica.it)   
lunedý 11 marzo 2019

Image«Troppo mascolina. Poco avvenente. E quindi è poco credibile che sia stata stuprata, più probabile che si sia inventata tutto. È un ragionamento che già indignerebbe se ascoltato in un bar, ma che letto in una sentenza fa un effetto ancora peggiore. Per di più se a firmarla sono tre giudici donne. Che scelgono, così, di assolvere in appello due giovani condannati in primo grado a cinque e tre anni per violenza sessuale.

[…] Il verdetto è stato annullato con rinvio dalla Cassazione come richiesto dal procuratore generale che ne ha evidenziate alcune incongruenze e vizi di legittimità.»

Ultimo aggiornamento ( lunedý 11 marzo 2019 )