Cattive notizie da Roma : ennesima ingerenza Vaticana
Scritto da IG   
giovedý 01 novembre 2007

Ancora una volta il Vaticano e il Pontefice tedesco non perdono l'occasione di interferire Imagecon la vita pubblica dell'Italia e con le scelte del Paese. Fino a quando sarà necessario ripetere che la Chiesa Cattolica , se rivolge le sue raccomandazioni al popolo dei credenti è libera di farlo e non genera conflitto; ma quando le gerarchie della Chiesa scelgono di intervenire su provvedimenti di legge che riguardano l'intera comunità dei cittadini e cittadine italiani commettono una pura e semplice ingerenza negli affari interni di uno stato e creano un conflitto ormai intollerabile ?

E' questo il caso dell'invito rivolto dal pontefice ai farmacisti italiani perchè esercitino l'obiezione di coscienza rifiutandosi di vendere contraccettivi e pillola RU. Si chiede insomma anche ai farmacisti ( come in precedenza venne richiesto ai medici nel caso della legge sull'IVG) di fare una valutazione "morale" prima di vendere un farmaco. Un farmacista non è un filosofo, è un professionista , qualificato e autorizzato a vendere al pubblico prodotti testati e autorizzati da commissioni legali composte da esperti . Questo va detto a chiare lettere. Se i cattolici, rispettosi delle indicazioni del loro pontefice vogliono vivere secondo gli orientamenti etici di quest'ultimo liberi di farlo, purchè non pretendano di imporre le loro scelte anche a chi non condivide il loro credo o religione.

PS: come mai questa valutazione "morale" così attenta ai "valori "non viene richiesta ai fabricanti d'armi, ai venditori di munizioni ed agli esperti di investimenti bancari , ceramente non Equi e solidali ,del vaticano?

 

Ultimo aggiornamento ( giovedý 01 novembre 2007 )