spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2019 Novembre 2019 Dicembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3
Settimana 45 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 46 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 47 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 48 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Aspettando Vinitaly 2019 arrow Omosessualitą: risarcita discriminazione
Omosessualitą: risarcita discriminazione PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
sabato 12 luglio 2008

ImageDISCRIMINAZIONI -  Il tribunale di Catania assegna 100mila euro di risarcimento danni a Danilo Giuffrida, un ventiseienne nei cui confronti era stato avviato l'iter di sospensione della patente dopo essersi dichiarato  omosessuale nel corso della  visita di leva. L'ospedale militare aveva informato la Motorizzazione come il ragazzo  non fosse in possesso dei "requisiti psicofisici richiesti" e la patente di guida era stata sospesa  in attesa di una revisione all'idoneità.  "Quella emessa dal Tribunale di Catania -afferma l'avvocato Giuseppe Lipera, legale del giovane- è la prima sentenza del genere”: si risarcisce il “danno esistenziale di una persona che viene discriminata dallo Stato perché omosessuale”.

IL GIUDICE, DISCRIMINATO DAI 2 MINISTERI - "I comportamenti tenuti dalle due amministrazioni appaiono in evidente discriminazione sessuale del Giuffrida e in evidente dispregio dei principi costituzionali", scrive il giudice Ezio Cannata Baratta nella sentenza. I "comportamenti dei due ministeri" avrebbero "cagionato un grave danno al Giuffrida costituito dalla grave sofferenza morale cagionata dall'umiliante discriminazione subita". "Il comportamento delle due amministrazioni - scrive il giudice nella sentenza - ha gravemente offeso ed oltraggiato la personalità del Giuffrida in uno dei suoi aspetti più sensibili ed ha indotto nello stesso un grave sentimento di sfiducia nei confronti dello Stato percepito come vessatorio nell'esprimere e realizzare la sua personalità nel mondo esterno". Il Tribunale ha anche condannato i due ministeri al pagamento di 10 mila euro di spese legali. (ANSA)

Ultimo aggiornamento ( domenica 13 luglio 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB