spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Politica Italiana arrow Libertà di stampa: sorvegliata speciale
Libertà di stampa: sorvegliata speciale PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
venerdì 12 settembre 2008

ImageROMA - Ancora una volta la stampa viene messa sotto accusa per aver esercitato la propria funzione: l'informazione. La redazione de L'Espresso e le abitazioni dei giornalisti Gianluca Di Feo ed Emiliano Fittipaldi sono state perquisite questa mattina (venerdì 12 setembre - ndr) dalla guardia di Finanza per controllare e sequestrare documenti e computer dei giornalisti; una perquisizione ordinata a seguito della pubblicazione dell'inchiesta di copertina del settimanale "Così ho avvelenato Napoli" in edicola dal 12 settembre, ma anticipata sul web. "Nell'inchiesta –scrive La Repubblica.it- sono riportate le confessioni dell'imprenditore Gaetano Vassallo, sullo smaltimento dei rifiuti tossici in Campania per conto della Camorra. Nelle sue confessioni Vassallo chiama in causa politici e funzionari: in particolare il sottosegretario all'Economia, Nicola Cosentino, oltre a una nutrita schiera di sindaci e manager degli enti locali campani." Non si è fatta attendere la presa di distanze di Cosentino, che si dichiara estraneo ai fatti.

Immediati i messaggi di solidarietà alla redazione de L'Espresso, messaggi tra l'altro pienamente condivisi anche dalla Redazione di Power & Gender: «Siamo preoccupati - afferma Paolo Butturini, segretario di Stampa Romana - per il clima di ostilità che si va diffondendo nel Paese verso la libera informazione. I giornalisti esercitano soltanto il loro diritto-dovere di indagare e raccontare ai cittadini quel che accade in Italia. In una democrazia è necessario che l'informazione sia tutelata e possa svolgere liberamente il proprio compito. Nel caso dei colleghi de L'espresso, poi, siamo di fronte a giornalisti che, a rischio della propria incolumità, indagano sul perverso intreccio fra politica, imprenditoria e poteri criminali nell'oscura vicenda dello smaltimento dei rifiuti tossici».


La redazione de L'Espresso, attraverso una nota, esprime la propria grande preoccupazione per l'intervento delle 2fiamme gialle" : «Ancora una volta l'esercizio del diritto di cronaca è oggetto di atti intimidatori che respingiamo fermamente. Gravi e offensivi per il lavoro dei nostri giornalisti appaiono per di più i modi con cui le perquisizioni si stanno svolgendo (ben diciotto agenti impegnati). Non possiamo fare a meno di notare - conclude la nota del cdr - che un simile spiegamento di forze avviene in seguito ai riferimenti contenuti nell'inchiesta sul presunto ruolo nello scandalo dei rifiuti di un sottosegretario del Governo»."

Ultimo aggiornamento ( domenica 14 settembre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB