spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 52 arrow Acqua: un bene pubblico sempre pių privatizzato
Acqua: un bene pubblico sempre pių privatizzato PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
giovedė 16 ottobre 2008

ImageROMA - Le concessioni ai privati per la gestione dell’acqua, quelle attualmente in essere, cessano per legge (n. 133/2008) entro e non oltre il 31 dicembre 2010. La stessa legge, però, all’articolo 23-bis, comma 8, introduce la possibilità di deroga a tale scadenza, esentando quegli “operatori economici” (ovvero i privati) che abbiano ottenuto una concessione diretta (ad esempio senza gara di appalto) per motivi che, "a causa di peculiari caratteristiche economiche, sociali, ambientali e geomorfologiche del contesto territoriale di riferimento" non permettevano un efficace e utile ricorso al mercato.

Di fatto un via libera per alcune realtà, alla gestione di un bene pubblico senza certi termini di scadenza. Quasi un monopolio, in deroga (anche questo?) alle leggi di libero mercato e di libera concorrenza richiamate in capo allo stesso articolo 23-bis quando recita: “in applicazione della disciplina comunitaria e al fine di favorire la più ampia diffusione dei principi di concorrenza, di libertà di stabilimento e di libera prestazione dei servizi di tutti gli operatori economici interessati alla gestione di servizi di interesse generale in ambito locale”.


La legge 133/2008 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 195 del 21 agosto 2008 - Suppl. Ordinario n. 196: si tratta della conversione in legge (con modificazioni) del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria (approvato dalla Camera e modificato dal Senato) ( 1386-B )

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento ( venerdė 17 ottobre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB