spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 56 arrow Indecorose e libere
Indecorose e libere PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
domenica 23 novembre 2008

ImageRoma 22 nov 08 – Allegre e colorate, come sempre sono le manifestazioni di donne; autorganizzate, perché è sufficiente l’unione, la volontà, l’autofinanziamento, internet, il passaparola;femministe, perché il femminismo è rivoluzione in continua evoluzione; lesbiche, per rivendicare con orgoglio appartenenza e libertà; solidali nel dire no alla violenza maschile, al decreto “antilucciole” del ministro Carfagna, al decreto anti-tutte del ministro Gelmini, che discrimina maestre e insegnanti, studenti e ricercatrici.

Un grande BASTA” alla violenza e al sessismo in casa e sul lavoro ha attraversato il corteo di otre 50.000 donne che nel pomeriggio di sabato ha attraversato Roma , da Termini a Piazza Navona.

Donne di tutte le età e da ogni parte d’Italia, dalle protagoniste del femminismo degli anni ’70 alle giovani e giovanissime studenti dell ”onda anomala”, madri e figlie, nonne e nipotine, Malgrado la crisi che impoverisce e riduce le risorse hanno voluto esserci, ritrovarsi, ricordare a tutte e tutti che la violenza e lo stupro sono una devastante realtà della famiglia italiana.


Ogni tre giorni nel nostro paese una donna viene assassinata da una familiare, padre o marito, convivente o fidanzato.


Diceva un cartello “Donna prima che moglie, Donna prima che madre, donna prima che figlia, Donna prima che sia troppo tardi.” Donne che hanno scelto di esserci per ricordare a partiti e Parlamento, prima che diano il via alle rituali celebrazioni del 25 novembre “giornata mondiale contro la violenza alle donne” che oltre le parole c’è bisogno di “riconoscere, intervenire e finanziare” la lotta contro la violenza di genere in ogni ambito e sotto ogni aspetto.

Ultimo aggiornamento ( luned́ 24 novembre 2008 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB