spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Razzismi arrow 20 novembre Giornata mondiale per i diritti dell'infanzia
20 novembre Giornata mondiale per i diritti dell'infanzia PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
mercoledì 19 novembre 2008

ImageROMA - Il 20 novembre Giornata mondiale e 19° anniversario della Convenzione Internazionale per i diritti dell'infanzia. A Montecitorio, in diretta sul sito, dalla Sala della Lupa a partire dalle 9.30, sarà possibile seguire i lavori del convegno promosso dalla Commissione parlamentare infanzia, incentrato su "accoglienza e integrazione dei minori stranieri in Italia".

Introdurranno i lavori, con dei brevi indirizzi di saluto, il Presidente della Camera dei deputati Gianfranco Fini, il Vice Presidente del Senato Vannino Chiti, il Presidente della Commissione parlamentare per l'infanzia Alessandra Mussolini, le senatrici Anna Serafini e Laura Allegrini. Nella seconda parte della mattinata, previste le testimonianze dei rappresentanti di organismi attivi nel settore dell'accoglienza e dell'integrazione dei minori stranieri (Unicef, Comunità di Sant'Egidio, Centro nazionale di documentazione e analisi per l'infanzia e l'adolescenza, Save the Children).

La Convenzione sui diritti dell'infanzia rappresenta lo strumento normativo internazionale più importante e completo in materia di promozione e tutela dei diritti dell'infanzia. Contempla l'intera gamma dei diritti e delle libertà attribuiti anche agli adulti ed è uno strumento giuridico vincolante per gli Stati che la ratificano. L'Italia ha ratificato la Convenzione il 27 maggio 1991 con la legge n. 176.

I quattro principi fondamentali della Convenzione sono:
 
 
Principio di non discriminazione
Il principio, sancito all'art. 2, impegna gli Stati parti ad assicurare i diritti ivi sanciti a tutti i minori, senza distinzione di razza, colore, sesso, lingua, religione, opinione del bambino e dei genitori.
 
Principio di superiore interesse del bambino
Il principio, sancito dall'art. 3, prevede che in ogni decisione, azione legislativa, provvedimento giuridico, iniziativa pubblica o privata di assistenza sociale, l'interesse superiore del bambino deve essere una considerazione preminente.
 
Diritto alla vita, sopravvivenza e sviluppo
Il principio è sancito dall'art. 6 che prevede il riconoscimento da parte degli Stati membri del diritto alla vita del bambino e l'impegno ad assicurarne, con tutte le misure possibili, la sopravvivenza e lo sviluppo.
 
Ascolto delle opinioni del bambino
Il principio, sancito dall'art. 12, prevede il diritto dei bambini a essere ascoltati in tutti i procedimenti che li riguardano, soprattutto in ambito legale. L'attuazione del principio comporta il dovere, per gli adulti, di ascoltare il bambino capace di discernimento e di tenerne in adeguata considerazione le opinioni. Tuttavia, ciò non significa che i bambini possano dire ai propri genitori che cosa devono fare. La Convenzione pone in relazione l'ascolto delle opinioni del bambino al livello di maturità e alla capacità di comprensione raggiunta in base all'età.

 

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 19 novembre 2008 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB