spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 79 arrow Prigioni o lagher?
Prigioni o lagher? PDF Stampa E-mail
Scritto da Redattore Sociale   
sabato 31 ottobre 2009

ImageROMA - Sempre più numerosi i decessi nelle carceri italiane: tra gennaio e ottobre 2009, morti 146 detenuti (142 nel 2008), 59 i suicidi (contro i 39 dello stesso periodo del 2008). Sono 65mila i detenuti attualmente reclusi nelle carceri italiane: 20mila in più rispetto al numero effettivo dei posti disponibili. Ogni due giorni muore un detenuto e il 2009 è l’anno nero per i suicidi. Attenzione anche al caso Cucchi, il trentunenne morto in circostanze ancora da accertare dopo la detenzione a Regina Coeli. Il corpo del giovane, con il volto tumefatto, i denti spezzati, lividi e lesioni in tutto il corpo, è stato restituito alla famiglia il 22 ottobre.

Quelli segnalati sono solo alcuni dei dati che emergono del convegno sulla situazione delle carceri italiane “Sovraffollamento carcerario: Le alternative possibili” organizzato dalla Conferenza nazionale del volontariato giustizia. Calano le misure alternative alla detenzione, mentre si continua a parlare di costruire nuove carceri: il luogo comune che viene ripetuto è “più carcere più sicurezza”, ma sull’assioma si scagliano tutte le associazioni di settore.

La richiesta dagli addetti ai lavori è chiara e univoca: è necessario un confronto serio con il Governo e un dialogo sul tema della sicurezza. Laganà (Cnvg): “Abbiamo chiesto un confronto con le istituzioni ma non c’è mai stato". L'ex presidente della Repubblica, Scalfaro: "Un governo che non vuole ascoltare gli specializzati del settore carcerario è un Governo che non ha capito niente, e non solo di carceri”.

Caso Cucchi: Molte le reazioni dell'associazionismo e del mondo della politica. Gonnella (Antigone) spara a zero sulle responsabilità delle istituzioni: “Quella di Stefano Cucchi era una di quelle situazioni nelle quali era possibile costruire un percorso alternativo alla detenzione”. E Ffwebmagazine, il periodico online della fondazione Farefuturo presieduta da Gianfranco Fini, commenta: "Uno Stato democratico non può nascondersi dietro la reticenza degli apparati burocratici. Perché verità e legalità devono essere 'uguali per tutti', come la legge”.

(Fonte REDATTORE SOCIALE)

Ultimo aggiornamento ( sabato 31 ottobre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB