spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2018 Settembre 2018 Ottobre 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2
Settimana 37 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 38 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 39 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 40 24 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Lavoro arrow Lavoro: la crisi che avanza
Lavoro: la crisi che avanza PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
mercoledì 22 luglio 2009

ImageROMA – "Entro dicembre possibile una perdita fino a 820mila posti di lavoro. Nell'ultimo bimestre la cassa integrazione ha rallentato ma resta su livelli alti". Contrariamente a quanto vanno affermando da tempo il Premier ed il Governo, la crisi avanza e la situazione del lavoro è critica. A svelarlo, superando la barriera di quello che, ad uno sguardo sospettoso potrebbe apparire un vero e proprio muro di omertà, è il rapporto 2008 sul mercato del lavoro redatto dal Cnel. Si legge oggi dalle colonne di Repubblica: «Secondo il Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro, l'instabilità occupazionale registrata nei primi mesi del 2009 porterà entro la fine dell'anno a una perdita di posti di lavoro tra le 350mila e le 540mila unità se misurate in forze di lavoro, e tra 620mila e le 820mila in termini di unità lavorative annue (ula). E nella peggiore delle ipotesi il tasso di disoccupazione potrebbe attestarsi poco al di sotto 9%. La disoccupazione, spiega il Cnel, "continuerà ad aumentare e il ricorso agli ammortizzatori sociali sarà ancora significativo". L'utilizzo della cassa integrazione nell'ultimo bimestre "ha registrato un rallentamento - evidenzia il rapporto - ma resta su livelli assoluti molto elevati a testimoniare della profondità della crisi".»

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB