spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 81 arrow Bambini: se il mostro nel computer
Bambini: se il mostro nel computer PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
domenica 22 novembre 2009
ImageMINORI - Il 5% degli abusi nasce da "agganci telematici": internet, sms, e-mail possono essere veicolo di un pericolo insidioso, ammantato di appeal e di fascino. Nel nostro paese, una ricerca condotta da Cismai e Save the Children, analizza i casi di abusi denunciati dal giugno 2008 al luglio 2009, evidenziando come internet accentui il numero degli atti violenti, perchè chi tiene tali comportamenti pensa di poter rimanere nell'anonimato. Si indeboliscono così le remore morali (leggi il documento)

I dati di Save the children diffusi in occasione della giornata dell'infanzia 2009 parlano di 1,8 milioni di minori coinvolti nel giro della prostituzione e della pornografia, e circa 1,2 milioni vittime del traffico di minori nel mondo. Anche in Italia vi sono bambini e adolescenti coinvolti in gravi forme di lavoro coatto, come la tratta a scopo di sfruttamento sessuale, mendicità, lavoro, e varie attività illegali. Si legge in una iniziativa di Save the Children: "Internet e i nuovi media fanno ormai parte della quotidianità dei bambini e degli adolescenti: il cellulare è utilizzato dal 95% dei ragazzi tra gli 11 e i 14 anni, mentre internet viene usato dall’86%, con una particolare diffusione dei servizi web 2.0, quali servizi di visualizzazione video (65,2% dei ragazzi), messaggistica istantanea (62,2%) e social network (43,7%). Tutti gli attori coinvolti - la famiglia, la scuola, le istituzioni, l’industria ICT, i media - sono quindi chiamati a prestare una nuova attenzione al fenomeno e ad adeguare il proprio impegno educativo alle nuove forme di comunicazione, in modo da promuoverne un utilizzo consapevole e responsabile."

Ultimo aggiornamento ( domenica 22 novembre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB