spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Migranti arrow Accade in Italia arrow Immigrazione: il volto nuovo dell'Italia
Immigrazione: il volto nuovo dell'Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
lunedì 01 marzo 2010

ImageROMA  -  Astensione dal lavoro, sciopero degli acquisti, cortei, presidi, sit-in: l'iniziativa "Una giornata senza di noi", promossa dagli immigrati di tutta Italia per il primo marzo 2010 ha chiamato in causa i quasi 5 milioni di immigrati che vivono in Italia. Già avviata in Francia, l'onda di sensibilizzazione è arrivata nel nostro paese riscuotendo adesioni di tutto rispetto: il volto nuovo dell'Italia trova 50mila sostenitori su Facebook, 60 adesioni tra comitati locali ed organizzazioni:  Amnesty, Arci, Acli, Legambiente, Emergency, Amref, Cobas, Fiom solo per dirne alcuni. Allo "sciopero degli immigrati", svoltosi in contemporanea con quelli organizzati in Francia, Spagna e Grecia, hanno aderito anche alcuni partiti: il PD, il Prc, Sinistra, ecologia e libertà ed i Socialisti.

Questa giornata, si poteva leggere ieri su La Repubblica «è solo l'inizio. Una campagna unitaria sotto il nome di "Primavera antirazzista" che andrà dal 1° al 21 marzo è stata infatti lanciata da un coordinamento costituito da diverse organizzazioni e comitati (tra queste Acli, Arci, Blacks out, Cgil, daSud, Nessun luogo e lontano, Sei-Ugl, Sos Razzismo, Uil, Antigone e Cnca). "Non c'è solo il primo marzo. Anche lo sciopero generale della Cgil del 12 marzo  -spiega Pietro Soldini, responsabile immigrazione del sindacato-  avrà tra i suoi punti la difesa dei diritti dei lavoratori immigrati. Sarà insomma un grande sciopero multietnico, perché i problemi dei lavoratori stranieri sono i problemi di tutti i lavoratori. Poi si proseguirà con le iniziative antirazziste fino al 21".»

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB