spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Migranti arrow Accade in Italia arrow Immigrazione: il volto nuovo dell'Italia
Immigrazione: il volto nuovo dell'Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
lunedì 01 marzo 2010

ImageROMA  -  Astensione dal lavoro, sciopero degli acquisti, cortei, presidi, sit-in: l'iniziativa "Una giornata senza di noi", promossa dagli immigrati di tutta Italia per il primo marzo 2010 ha chiamato in causa i quasi 5 milioni di immigrati che vivono in Italia. Già avviata in Francia, l'onda di sensibilizzazione è arrivata nel nostro paese riscuotendo adesioni di tutto rispetto: il volto nuovo dell'Italia trova 50mila sostenitori su Facebook, 60 adesioni tra comitati locali ed organizzazioni:  Amnesty, Arci, Acli, Legambiente, Emergency, Amref, Cobas, Fiom solo per dirne alcuni. Allo "sciopero degli immigrati", svoltosi in contemporanea con quelli organizzati in Francia, Spagna e Grecia, hanno aderito anche alcuni partiti: il PD, il Prc, Sinistra, ecologia e libertà ed i Socialisti.

Questa giornata, si poteva leggere ieri su La Repubblica «è solo l'inizio. Una campagna unitaria sotto il nome di "Primavera antirazzista" che andrà dal 1° al 21 marzo è stata infatti lanciata da un coordinamento costituito da diverse organizzazioni e comitati (tra queste Acli, Arci, Blacks out, Cgil, daSud, Nessun luogo e lontano, Sei-Ugl, Sos Razzismo, Uil, Antigone e Cnca). "Non c'è solo il primo marzo. Anche lo sciopero generale della Cgil del 12 marzo  -spiega Pietro Soldini, responsabile immigrazione del sindacato-  avrà tra i suoi punti la difesa dei diritti dei lavoratori immigrati. Sarà insomma un grande sciopero multietnico, perché i problemi dei lavoratori stranieri sono i problemi di tutti i lavoratori. Poi si proseguirà con le iniziative antirazziste fino al 21".»

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB