spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Pena di morte arrow Cresce la pena di morte nel mondo
Cresce la pena di morte nel mondo PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedì 29 marzo 2012

ImagePENA DI MORTE - Secondo le rilevazioni di Amnesty International nel 2011 solo il 10% dei paesi (20 su 198) ha eseguito condanne capitali, ma è ''allarmante il livello di esecuzioni nei paesi che ancora uccidono'. In crescita rispetto al 2010 (527): la differenza di 149 esecuzioni è imputabile ai soli Iran e Arabia. Negli USA sono state 43 le sentenze eseguite: resta questo l'unico paese del G8 ad eseguire condanne a morte, ma il numero diminuisce rispetto a 10 anni fa e l'Illinois è diventato il 16esimo stato abolizionista, mentre in Europa ''persevera'' la Bielorussia (due le esecuzioni nel 2011). Sentenze capitali sono state comminate o eseguite per tutta una serie di reati, tra cui adulterio e sodomia in Iran, blasfemia in Pakistan, stregoneria in Arabia Saudita, traffico di resti umani nella Repubblica del Congo e in oltre 10 paesi per reati di droga. Migliaia le persone messe a morte nell'emergente potenza economica che sta diventando la Cina. Ma i dati non sono stati messi a disposizione: sono un "segreto di stato".

 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB