spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Pena di morte arrow Cresce la pena di morte nel mondo
Cresce la pena di morte nel mondo PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedì 29 marzo 2012

ImagePENA DI MORTE - Secondo le rilevazioni di Amnesty International nel 2011 solo il 10% dei paesi (20 su 198) ha eseguito condanne capitali, ma è ''allarmante il livello di esecuzioni nei paesi che ancora uccidono'. In crescita rispetto al 2010 (527): la differenza di 149 esecuzioni è imputabile ai soli Iran e Arabia. Negli USA sono state 43 le sentenze eseguite: resta questo l'unico paese del G8 ad eseguire condanne a morte, ma il numero diminuisce rispetto a 10 anni fa e l'Illinois è diventato il 16esimo stato abolizionista, mentre in Europa ''persevera'' la Bielorussia (due le esecuzioni nel 2011). Sentenze capitali sono state comminate o eseguite per tutta una serie di reati, tra cui adulterio e sodomia in Iran, blasfemia in Pakistan, stregoneria in Arabia Saudita, traffico di resti umani nella Repubblica del Congo e in oltre 10 paesi per reati di droga. Migliaia le persone messe a morte nell'emergente potenza economica che sta diventando la Cina. Ma i dati non sono stati messi a disposizione: sono un "segreto di stato".

 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB