spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Democrazia paritaria arrow Proposte arrow 50 Associazioni per un'agenda
50 Associazioni per un'agenda PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
martedì 22 gennaio 2013

ImageROMA 22 gen.2013- Il 24 e il 25 febbraio prossimi 51.026.177 cittadine e cittadini italiani saranno chiamati alle urne in occasione delle elezioni politiche. Gli elettori e le elettrici - 24.645.449 uomini e 26.380.728 donne - saranno divisi in 61.571 sezioni elettorali. Il rinnovamento del Parlamento e la rappresentanza di genere sono iscritti in tutti i programmi dei partiti e delle liste che sono state presentate. Rinnovamento dunque, ma in che modo? Per discutere una proposta di Agenda per la democrazia paritaria, l'Accordo di Azione Comune composto dalle 50 associazioni firmatarie, ha indetto un incontro pubblico con le candidate per lunedì 28 gennaio .

 

 

Per discutere la proposta di una “Agenda per la democrazia paritaria”
le candidate alla Camera e al Senato nelle prossime elezioni politiche
sono state invitate a incontrarsi lunedì 28 (Sala della Mercede, via
della Mercede 55, Roma – ore 15,30) con le rappresentanti delle oltre
cinquanta Associazioni di donne riunite nell' “Accordo di azione
comune per la democrazia paritaria”.

Rappresentanza politica e legalità, rimborsi elettorali e art. 49
della Costituzione (l'associazione in partiti): sono questi i temi
cardine per un'etica della politica che le donne intendono condividere
paritariamente, passando dalle piazze, reali e del web alle aule
parlamentari.

Una “Agenda” alla quale viene chiesto il sostegno di capi coalizione e
capilista e di tutte le candidate e i candidati, come presupposto e
base di partenza per politiche di genere che portino il nuovo
Parlamento ad affrontare e risolvere alcuni dei più gravi problemi del
nostro Paese (violenza, occupazione, salari, welfare,
rappresentazione) che riguardano le donne e non solo.

 

Roma 21 gennaio 2013
info e contatti Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo - Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 

 

Ultimo aggiornamento ( martedì 05 febbraio 2013 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB