spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2020 Settembre 2020 Ottobre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2 3 4 5 6
Settimana 37 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 38 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 39 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 40 28 29 30
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow *Libri Cultura Eventi Convegni arrow Franca Rame la passione civile e la passione per il teatro
Franca Rame la passione civile e la passione per il teatro PDF Stampa E-mail
Scritto da La redazione   
giovedì 30 maggio 2013

ImageRoma 29 maggio 2013- Maggio è un mese crudele. Proprio nel giorno in cui il Parlamento italiano ratifica la convenzione di Istambul contro la violenza, muore Franca Rame, che di violenza squadrista e fascista fu oggetto in quanto donna e per il suo impegno politico e civile. In un giorno di marzo del 1973 quando lo stupro era ancora per il codice penale italiano un delitto contro la morale. Una ferita insanabile e una violenza omicida,contro una donna bella, intelligente, una grande attrice appassionata, una femminista impegnata; una umiliazione senza rimedio, che seppe denunciare e comunicare con dolore e passione. Per tutte noi, sue contemporanee, Franca Rame è stata una grande attrice sulla scena e una donna da ammirare per il coraggio, la dignità, la coerenza politica e il senso alto della sua denuncia civile. La ricorda a noi tutte l’articolo di Monica Lanfranco che riportiamo. (segue)

Il grande cuore di Franca di Monica Lanfranco

Per chi appartiene alla generazione degli anni ‘60, per chi ha fatto politica e attivismo a sinistra e nei movimenti delle donne Franca Rame è stata prima di tutto una voce, e un corpo. La sua parole scandite con voce arrochita nei teatri italiani, la sua presenza scenica potente, pure nella strabordante preminenza di quella del suo compagno Dario Fo sono vivissime nella mente di chi ebbe la fortuna di ascoltarle.
Quelle parole, in particolare: la sua testimonianza di stupro.
Con un coraggio straordinario Franca Rame dette voce a tutte le donne violentate, in tempi in cui ancora poco si parlava di stupro. Calcò la mano sulla matrice dell’odio maschile verso di lei, verso il suo corpo di donna, che in quel caso veniva da uomini fascisti che la odiavano perché comunista, ma riuscì a mettere in luce, forse per la prima volta in modo chiaro e preciso, che la violenza sul suo corpo andava oltre il disprezzo politico: era la punizione scelta nei suoi confronti perché era una donna, prima di tutto, e una donna la si violenta per distruggerla, mortificarla, annullarla. Un messaggio per lei, e per le altre. Tutte.
Ascoltai quel monologo a Genova, in un teatro periferico perché erano tempi nei quali la proposta Fo/Rame non poteva calcare le scene dei teatri accreditati dai salotti buoni.
Lo stupro di Franca, raccontato da lei pubblicamente nonostante le minacce di morte ricevute dai suoi aguzzini, diventato un pezzo di storia dolorosa del percorso della libertà delle donne italiane, oggi viene per fortuna rilanciato attraverso i social media e la rete, e va condiviso e proposto nelle scuole, così come anche il documentario Processo per stupro, che la Rai trasmise a ora tarda scatenando le ire di mezzo paese.
Il monologo di Franca Rame non fu sempre accolto, anche a sinistra, con benevolenza: accanto infatti all’ovvia acredine fascista, che si rovesciò su di lei giubilando perché una ‘cagna comunista era stata giustamente punita’ ci fu chi stigmatizzò il suo ‘eccesso femminista’: Franca Rame andava bene finchè stava in ombra a fianco del grande Dario, ma quando si mise in prima fila con quell’outing ruppe, anche a sinistra, un tabù.
In un’intervista che ebbi la fortuna di farle proprio dopo quella esibizione genovese mi disse, lei che era stata violentata da squadristi di destra: ”La violenza sulle donne non ha colore, è fatta sulla donna perché è una donna. E viene da ogni parte.”
Una affermazione, allora come ora, di enorme coraggio e lucidità.
 
--
Monica Lanfranco
www.monicalanfranco.it
Ultimo aggiornamento ( martedì 30 giugno 2020 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB