spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Democrazia paritaria arrow Pareri e Studi arrow Sondaggio: giovani e stereotipi di genere
Sondaggio: giovani e stereotipi di genere PDF Stampa E-mail
Scritto da Emma Pietrafesa   
lunedì 09 settembre 2013

ImageSONDAGGI - United Nations Development Programme (UNDP) ha realizzato nel corso dei mesi passati un sondaggio tra giovani donne e uomini che vivono in Europa e in Asia centrale chiedendo loro di immaginarsi tra 15 anni. I primi risultati non sono incoraggianti, soprattutto in merito agli stereotipi di genere. Le donne nella rilevazione del sondaggio sono state 70% del totale dei partecipanti (728). Analizzando le risposte fornite è già possibile individuare alcune tendenze interessanti per quanto riguarda l'influenza e l’impatto dei ruoli di genere nella famiglia e nella società dei prossimi anni. L’ 82% delle donne ed il 72% degli uomini pensano che la violenza verso il proprio partner non può mai essere giustificata. Il 76% degli intervistati immagina di avere un ruolo paritario nel prendere decisioni sulla gestione del budget familiare; il 51 % esprime la volontà di condividere equamente le responsabilità per la casa con il partner/coniuge e di contribuire equamente alla famiglia con il proprio reddito da lavoro ; il 63 % aspira a condividere equamente la responsabilità di cura dei figli.

Ma a questo punto è interessante rilevare altri dati quelli secondo cui malgrado il 50% degli intervistati condivida e sostenga la necessità di un cambiamento di mentalità soprattutto in relazione ai ruoli legati al genere nei luoghi di lavoro, solo il 20% ritiene che ciò sia effettivamente accaduto. Inoltre donne e uomini sembrano avere ed esprimere ancora pareri diversi su quali siano i luoghi di lavoro e le mansioni più adatte proprio in riferimento al genere (vige ancora in questo senso la tradizionale divisione è da femmina / è da maschio).

Infine ciò che più sorprende riguarda l'ultima serie di domande in merito alla previsione di ciò che potrà accadere nei prossimi 15 anni all'interno dei ruoli uomo/donna nei settori lavorativo, domestico e leadership nazionale. Nonostante la maggioranza delle risposte confermino la voglia ed il desiderio di cambiamento all'interno dei ruoli la maggior parte degli intervistati non sono così sicuri che ciò avverrà in un breve arco temporale. Ad esempio il 47% degli intervistati riferisce di volere un cambiamento nei ruoli all'interno delle attività domestiche, ma solo il 16% di questi è convinto che ciò avverrà effettivamente; il 53% degli intervistati ha espresso la necessità di una distribuzione più equa delle donne e degli uomini nella vita pubblica nazionale soprattutto in termini di leadership ma solo il 20% è convinto che ciò accadrà.

L’indagine si è conclusa da poco (1 settembre) ed ovviamente questi sono solo i primi risultati preliminari...per una volta aspettiamo con attesa non una conferma ma un clamoroso capovolgimento dell'exit-pool...

Per maggiori informazioni :http://www.slideshare.net/undpeuropeandcis/undp-regional-survey-on-youth-and-gender-stereotypes

 

Ultimo aggiornamento ( lunedì 09 settembre 2013 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB