spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 17 arrow Lavoro: dimissioni in bianco, un male da sconfiggere per l'Italia che cerca la paritÓ
Lavoro: dimissioni in bianco, un male da sconfiggere per l'Italia che cerca la paritÓ PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedý 05 aprile 2007

ImageDAL PARLAMENTO - Le dimissioni in bianco si firmano insieme al contratto di assunzione: prassi diffusa ieri come ora, eppure ancora poco conosciuta. Una discriminazione perpetrata soprattutto a danno delle donne, generalmente utilizzata per liberarsi delle lavoratrici in maternità. Dal 5 luglio però -ogni tanto una buona notizia!- tale pratica sarà contrastata con un legge dello Stato. Alla Camera dei Deputati infatti, è stato discusso e approvato il testo della Proposta di Legge dal titolo “Disposizioni in materia di modalità per la risoluzione del contratto di lavoro per dimissioni volontarie del prestatore d’opera”, presentata su iniziativa dell’On. Teresa Bellanova e di altri Deputati e Senatori del Centrosinistra ed il testo passa al vaglio del Senato.

In un’Italia che nell’anno delle Pari opportunità tra donne ed uomini cerca di tenere il passo con il resto dell’Europa, si tratta di un provvedimento “in piena linea e al passo con le riforme in corso del Governo, dal momento che si propone di comprendere nella normativa tutte le forme contrattuali: sia quelle da lavoratore subordinato, che quelle da parasubordinato”. Un passo in più per spostare sullo stesso piano le lavoratrici e i lavoratori a tempo indeterminato, e quelli assunti invece con contratti a tempo determinato. Ma anche un provvedimento per scardinare quelle forme di precarietà e di discriminazione altrimenti sommerse.

“Quella delle dimissioni in bianco – sottolinea Teresa Bellanova – è una vera e propria discriminazione sotterranea cui vanno purtroppo incontro soprattutto le donne lavoratrici, in quanto si verifica con particolare frequenza in quei settori a più alta incidenza di manodopera femminile. La lettera di dimissioni in bianco è una pratica ricattatoria: il datore di lavoro chiede la firma di un foglio di licenziamento in bianco all’atto stesso dell’assunzione, generalmente utilizzata per liberarsi delle lavoratrici in maternità. Insieme ad altri deputati e senatori, abbiamo presentato una proposta di legge pensata per contrastare il fenomeno delle dimissioni in bianco, con cui si introduce l’obbligo di presentare le dimissioni volontarie dal lavoro utilizzando esclusivamente i moduli distribuiti presso gli uffici del lavoro, le amministrazioni comunali e il sito internet del Ministero del Lavoro. Contrassegnati da codici alfanumerici identificativi e dalla data di emissione, i moduli avranno una validità limitata di 15 giorni, di modo da limitarne il ricorso ai soli casi di effettive dimissioni volontarie. Impedire il ricatto delle dimissioni in bianco significa tutelare soprattutto le donne che continuano ad essere dei soggetti deboli nel mercato del lavoro”.


Ultimo aggiornamento ( lunedý 09 luglio 2007 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB